Amnistia e Indulto 2017 Ultime Notizie: Rapporto choc sul Carcere di Ivrea

carcere-Ivrea

Arrivano dal carcere di Ivrea, in Piemonte, le ultime notizie su amnistia, indulto e carceri di oggi. È stato reso pubblico infatti il rapporto del Garante Nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale sulla Casa Circondariale di Ivrea, in seguito ad una visita avvenuta lo scorso novembre.

Come rende noto “La Stampa-Torino”, due giorni fa è stato pubblicato il Rapporto del Garante Nazionale dei diritti delle persone detenute, riguardo la situazione del carcere di Ivrea. Il Rapporto, frutto di una visita alla Casa Circondariale avvenuta a novembre 2016, racconta tutto l’orrore di un carcere che è ai limiti della dignità dell’essere umano. Questo è quanto si evince delle parole di Emilia Rossi, a capo della delegazione che ha compiuto la visita.

La visita era stata richiesta a seguito di numerose segnalazioni circa l’uso inappropriato della forza nelle azioni repressive. Per questo motivo, la delegazione in visita, ha potuto girare per gli spazi del carcere, parlare con i detenuti e con il personale, e valutare liberamente lo stato delle cose.

“I due aspetti più inquietanti- racconta Emilia Rossi -sono la presenza di due celle di contenimento, una denominata ‘cella liscia’ dallo stesso personale dell’Istituto, l’altra chiamata ‘acquario’ dai detenuti, che oltre ad essere in condizioni strutturali e igieniche molto al disotto dei limiti di accettabilità nel rispetto della dignità dell’essere umano e di integrare una violazione dei più elementari diritti delle persone detenute, costituiscono un elemento che accresce la tensione presente nell’Istituto”

carcere-amnistia-indulto

Ad aggravare la situazione si aggiunge il fatto che da oltre quattro anni, nell’Istituto penitenziario di Ivrea non c’è un comandante della Polizia stabilmente assegnato. “Questo elemento può, verosimilmente, contribuire al frequente riproporsi delle conflittualità segnalate” dice ancora la Rossi. Il Rapporto, ora finalmente pubblicato, sarà inviato alla Procura della Repubblica di Ivrea.