Arriva la seconda edizione di LetsApp firmata Samsung e Miur

Miur e Samsung rilanciano LetsApp

Al via la seconda edizione del progetto rivolto a tutti gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado italiane, pensato per avvicinare i ragazzi al mondo delle applicazioni per dispositivi mobile. Il tema di quest’anno è la sicurezza.

I ragazzi fanno parte dei 50 milioni di italiani che possiedono uno smartphone. Ma di questi 50 milioni solo un numero limitato è in grado di sviluppare nuove applicazioni per i dispositivi mobili. Samsung e MIUR, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, lanciano la seconda edizione di LetsApp per stimolare gli studenti a confrontarsi con le proprie capacità di programmazione e di problem-solving offrendo, anche a coloro che non hanno familiarità con i linguaggi e le nozioni di programmazione, di cimentarsi nella realizzazione di applicazione per smartphone.

LetsApp 2018 propone agli studenti di progettare app utili sul tema della sicurezza e che abbiano la potenzialità di prevenire i rischi in determinati ambienti o situazioni.

Che cos’è LetsApp?

Si tratta di un programma di mentoring con lo scopo di avvicinare gli studenti alle nuove tecnologie.
Attraverso una piattaforma di e-learning, gli studenti delle scuole di secondo grado, acquisiranno competenze sulla programmazione ( in un ambiente di sviluppo MIT App Inventor 2) con l’obiettivo di realizzare un’applicazione per smartphone su piattaforma Android.

Il corso di 25 ore è strutturato in 10 moduli che vedono l’alternanza di nozioni teoriche, demo pratiche e test di verifica.

Al termine del corso gli studenti riceveranno dal proprio istituto di appartenenza un certificato di frequenza, che potrà essere utilizzato per il riconoscimento dei relativi crediti formativi.

Già la prima edizione dell’iniziativa ha ottenuto un notevole successo: oltre 30.000 le iscrizioni pervenute e un totale di 5.968 corsi completati dai cosiddetti LetsApp Champions (gli iscritti che hanno completato tutti i 10 moduli del percorso) e 551i project work presentati sulla piattaforma per l’Hackathon finale del 30 maggio 2017 a Milano.

Il programma sfrutta il principio del learn by doing e si propone di fare prendere consapevolezza agli studenti delle proprie capacità e di portare innovazione nella scuola. Inoltre, si tratta di un’opportunità per fornire agli studenti delle conoscenze di base sull’imprenditorialità, sul marketing e sulla comunicazione.

“LetsApp è stato ideato per offrire agli studenti un’occasione di crescita e di confronto, incoraggiandoli ad intraprendere attività ed esperienze nell’ambito della digitalizzazione, per valorizzarne lo spirito creativo e l’attitudine alla progettualità.

Il MIUR ha riconosciuto nel progetto un impegno a evolvere le modalità di apprendimento attraverso le nuove tecnologie.
L’intento è rendere gli studenti italiani dei digital-makers, in grado di trasformare un’idea, una passione, un’intuizione in un progetto per la collettività”.

LetsApp rappresenta un esempio di collaborazione virtuosa tra il mondo aziendale e quello istituzionale, in grado di promuovere competenze avanzate, sempre più richieste dal mercato, e sviluppare attitudini che offrono ai giovani italiani un vantaggio competitivo durante il percorso scolastico e, in futuro, professionale.

La piattaforma LetsApp è disponibile al seguente link: www.letsapp.it

Scritto da Chiara Tedeschi

Sono nata a Cecina (LI) e cresciuta a Piombino (LI) dove mi sono diplomata al Liceo Classico Giosuè Carducci. Mi sono laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Pisa. Amo viaggiare, leggere e scrivere.

Atac Sciopero 8 giugno

Nuovo sciopero ATAC ad Aprile 2018?

I segreti di castelmonte Fiction

I Segreti di Castelmonte: Nuova Fiction Rai