Non c’è pace per Londra: infatti, poco fa la follia omicida del terrorismo è tornata a colpire la capitale britannica. Un furgone si è lanciato sulla folla nei pressi di Finsbury Park, davanti a una moschea, uccidendo una persona e causando il ferimento di altri otto passanti. Il quarantottenne autista del furgone è stato arrestato dalla Polizia e la premier May parla di potenziale attacco terroristico.

Furgone sulla folla a Finsbury Park

Il tutto è avvenuto in Seven Sister road dove un furgone guidato da un quarantottenne si è lanciato sulla folla davanti a una moschea affollata per via del Ramadan. A fermare l’attentatore, secondo quanto riferito da alcuni testimoni, sarebbero stati i passanti prima dell’intervento della polizia che lo ha poi arrestato.

L’attentatore: un quarantottenne inglese

Secondo ricostruzioni il guidatore di questo furgone omicida sarebbe un quarantottenne di grosso di statura che però alla discesa dal mezzo non avrebbe opposto eccessiva resistenza, tanto che sue passanti sono riusciti con una leggera colluttazione a fermarlo. Sempre secondo il racconto di taluni testimoni, l’uomo al momento del gesto avrebbe urlato ”ucciderò tutti i mussulmani” e altre frasi deliranti, ma al momento è ancora tutta da ricostruire la dinamica dell’accaduto e, soprattutto, va fatto un bilancio delle vittime e dei feriti.

CONDIVIDI
Nato ad Aversa (CE) il 22 agosto 1994 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista, collaboro con i siti di Content Lab dal 2015 occupandomi di sport, politica e altro.