Attentato Somalia a militari italiani: cosa è successo

attentato somalia militari

Ad un anno dall’attentato del 2 Ottobre le forze italiane sono state colpite da una bomba artigianale, nessun ferito

Attentato, per fortuna senza conseguenze, contro le truppe italiane schierate a Mogadiscio in Somalia. I mezzi militari sono stati colpiti da una bomba artigianale proprio mentre si dirigevano – lungo una strada statale – al Ministero della Difesa somalo. In un primo momento mancavano dettagli sull’attentato e non era chiaro se i militari italiani fossero stati feriti.

Poche decine di minuti dopo la diffusione della notizia da parte dei media italiani, lo Stato Maggiore della Difesa ha fatto sapere che nessun militare è stato ferito e che l’incidente è avvenuto al rientro di un’attività di addestramento. Si sta lavorando per cercare di capire le modalità e le motivazioni del gesto, per ora da parte di ignoti.

Attentato Mogadiscio: chi potrebbero essere i responsabili

C’è discordia su quale organizzazione possa aver effettuato il colpo. Alcuni credono si tratti degli al-Shabaab somali, protagonisti già di un attentato verso una base americana.

Fatto sta che la storia della diplomazia italiana in Somalia è stata costellata di diversi incidenti. I militari sono tornati nel paese africano a partire dal 2010 e dal 2014 è stata riaperta l’Ambasciata Italiana, dopo ben 23 anni di chiusura. Nel 1993, invece, un attentato ben più feroce colpì italiani in missione di pace uccidendone 3 e ferendone 23.

Napoletano di nascita, attualmente vivo a Roma. Giornalista pubblicista, mi definisco idealista e sognatore studente di Lettere presso l'Università di Roma Tor Vergata. Osservatore silenzioso e spesso pedante della società attuale. Scrivo di ciò che mi interessa: principalmente politica, cinema e temi sociali.

Nadia-Toffa-intervistata-a-le-iene-dopo-il-malore

Anticipazioni Le Iene 1 Ottobre: video Nadia Toffa di addio

elezioni 2018

Referendum Lega su Legge Elettorale: proposto maggioritario puro