Bimbo di 20 giorni morto a Torino: nuovo caso di malasanità?

bimbo morto torino

Brutto caso di malasanità all’ospedale Maria Vittoria di Torino. Un bimbo di 20 giorni è morto dopo essere stato dimesso dal pronto soccorso per problemi respiratori. I medici avevano dimesso il neonato con la diagnosi di rinite e con un controllo dopo 24 ore. La rinite supposta dai medici del reparto di Pediatria si è in realtà rivelata una polmonite che ha stroncato la vita del neonato.

Secondo i medici che hanno svolto l’autopsia, il bambino sarebbe morto per una polmonite causata da un virus entrato nel corpo tramite del latte andato “di traverso”, circostanza tipica nell’alimentazione di bambini di pochi mesi. La Procura di Torino ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo verso ignoti, intanto i giovani genitori del piccolo che si chiamava Giacinto chiedono giustizia.

Dice il padre:

Stava male e così l’abbiamo portato al pronto soccorso. Ma l’hanno visitato, dimesso e gli hanno prescritto l’aeresol. Abbiamo fatto tutto ciò che ci è stato detto ma, la mattina del 2 febbraio, nostro figlio ha girato gli occhi, ha perso i sensi. Abbiamo chiamato il 118: i medici hanno cercato di rianimarlo per quasi un’ora. Poi l’hanno portato all’ospedale, ma quando siamo arrivati ci hanno detto che non ce l’aveva fatta. Ora continuiamo a guardare le sue foto: è tutto ciò che ci rimane

Secondo i medici di associazioni pediatriche è prassi comune trattenere un bimbo che accusa disturbi respiratori seppur lievi, toccherà alla Procura stabilire come mai non sia stata seguita questa norma.

Napoletano di nascita, attualmente vivo a Roma. Giornalista pubblicista, mi definisco idealista e sognatore studente di Lettere presso l'Università di Roma Tor Vergata. Osservatore silenzioso e spesso pedante della società attuale. Scrivo di ciò che mi interessa: principalmente politica, cinema e temi sociali.

medici-professionisti-pagati-pizza

Crema “miracolosa” per psoriasi dichiarata illegale: ecco qual è

figlia ambasciatore nord corea

Figlia dell’ambasciatore nord-coreano dissidente prelevata a Roma: è giallo