Buon Compleanno Donatella Rettore: Biografia e Carriera dell’artista

DonatellaRettore

Traguardo importante per Donatella Rettore, popolare cantantautrice veneta, che oggi festeggia il suo sessantaduesimo compleanno. Nel corso della sua fortunata carriera ha pubblicato tredici album in studio, numerose raccolte raccolte dei suoi maggiori successi, arrivando a raggiungere svariate volte la cima delle classifiche in oltre quarant’anni di carriera.

DONATELLA RETTORE: LA BIOGRAFIA

Nata l’8 luglio del 1955 a Castelfranco Veneto, in provincia di Treviso, Donatella Rettore si avvicina al mondo della musica sin da bambina, quando all’età di dieci anni si esibisce dal vivo con alcuni amici cantando il repertorio di Caterina Caselli. Successivamente si trasferisce a Roma per perfezionarsi e realizzare il suo sogno di diventare cantante, il debutto discografico avviene nel ’73 con il singolo “Quando tu”, seguito da “Ti ho preso con me”, scritta da Gino Paoli. L’anno dopo debutta al Festival di Sanremo con “Capelli sciolti”, per poi far ritorno nel ’77 con “Carmela”. Il grande successo arriva due anni più tardi con “Splendido splendente”, ancora oggi uno dei suoi brani più celebri. Gli anni ottanta la consacrano come una vera e propria icona, grazie a “Kobra”, “Donatella” e “Lamette”.

DONATELLA RETTORE: I SUCCESSI DISCOGRAFICI

Tra le tantissime canzoni che arricchiscono il suo vastissimo repertorio, ricordiamo: “Quando tu”, Ti ho preso con me”, “Capelli sciolti”, “Lailolà”, “Carmela”, “Eroe”, “Salvami”, “Splendido splendente”, “Brilla”, “Kobra”, “Benvenuto”, “Estasi”, “Donatella”, “Clamoroso”, “Lamette”, “Kamikaze Rock’n Roll Suicide”, “This time”, “Io ho te”, “Famme fatale”, “Amore stella”, “Stringimi più forte”, “Adrenalina” con Giuni Russo, “Zan zan zan”, “Love is the answer”, “Gianni”, “Sogno americano”, “Le nuove favole non fanno così bene al cuore”, “Di notte specialmente, “Voglio la mamma”, “Lasciamo vivere gli abeti, coloriamo le suore”, “La mia radio”, “Bastardo”, “Konkiglia”, “L’onda del mare”, “Stralunata”, “Callo” e “Ciao ciao”.

Scritto da Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica e spettatore interessato di tutto ciò che è intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.