Oggi è una ricorrenza speciale per Cher, una delle popstar più affermate a livello internazionale, che festeggia il suo settantunesimo compleanno. Nel corso della sua fortunata carriera ha pubblicato venticinque album in studio, nove raccolte dei suoi maggiori successi e numerosi singoli che hanno dominato le classifiche di mezzo mondo, vendendo oltre cento milioni di dischi in oltre cinquant’anni di attività.

CHER: LA BIOGRAFIA

Nata il 20 maggio del 1946 a El Centro, cittadina situata nell’Imperial Valley in California, Cherilyn Sarkisian LaPierre si appassiona sin da giovanissima alla recitazione, inseguendo il sogno di diventare attrice. All’età di sedici anni incontra Sonny Bono, suo futuro marito, con il quale forma un sodalizio canoro che li porta ad incidere alcuni brani in coppia. Nel ’67 partecipano al Festival di Sanremo, in gara con Caterina Caselli nel brano “Il cammino di ogni speranza”. Nello stesso periodo intraprende l’attività cinematografica, apparendo in numerose pellicole di successo, da “Wild on the beach” aGood times”, passando perChastity”, “Dietro la maschera”, “Le streghe di Eastwick”, “Suspect – Presunto colpevole”, “Stregata dalla luna”, “Sirene”, “Infedeli per sempre”, “Un tè con Mussolini” eBurlesque”.

CHER: I SUCCESSI DISCOGRAFICI

Tra le canzoni più note che arricchiscono il suo ricco repertorio, ricordiamo: “Bang bang (My baby shot me down)”, “Will you love me tomorrow”, “Mama (When my dollies have babies)”, “ Take me for a little while”, “A woman’s story”, “Take me home”, “It’s too late (To love me now)”, “We all sleep alone”, “Baby I’m yours”, “The shoop shoop song (It’s in his kiss)”, “If i could turn back time“, “Walking in Memphis”, “One by one”, “Believe”, “Strong enough”, “All or nothing”, “Dov’è l’amore”, “The music’s no good without you”, “Song for the lonely”, “Woman’s world” eI hope you find it”.

CONDIVIDI
Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica e spettatore interessato di tutto ciò che è intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.