Il Confine: Trama e Cast della serie Rai sulla Prima Guerra Mondiale

Martedì 15 e mercoledì 16 la serie con Massimo Popolizio

il-confine

Arriva martedì 15 e mercoledì 16 maggio la miniserie rai sul primo conflitto mondiale dal titolo Il confine.

A cento anni dalla fine della prima guerra mondiale ecco che la rai racconta un nuovo punto di vista del conlitto, ovviamente la grande storia sarà lo sfondo principale della trama ma, a farla da padrone, saranno le vite dei protagoniste.

Negli anni tantissimi film e miniserie hanno raccontato questa tragica pagina della storia italiana ma, il regista della serie, Carlo Carlei, ha voluto spostare l’obiettivo raccontando la vita dei ragazzi in trincea. Giovani italiani che sono stati costretti al fronte, hanno annullato le loro vite in nome di una guerra che non credevano giusta, una guerra alla quale non credevano.

Il Confine: Trama della Serie

La miniserie ambientata a Trieste che era, ed è ancora, un luogo di frontiera, raccoglitore di diverse lingue, fu, durante il conflitto mondiale, teatro di tragici avvenimenti, a partire dal 1925 quando l’Italia dichiarò guerra all’impero Austro-Ungarico per riconquistare i territori nazionali, tra cui Trento, Trieste e Fiume. La storia della rai si inserisce quindi tra la battaglio di Isonzio, Caporetto e la battaglia di Vittorio Veneto. Nella storia troviamo  Bruno Furlan, ragazzo simpatico, allegro, pieno di vita innamorato dell’ebrea Emma, lui è italianissimo, si sente italiano e afferma con orgoglio la sua nazionalità ma, come tanti altri ragazzi, viene arruolato di forza nelle file dell’esercito austriaco ma Bruno, seguendo l’esempio del fratello Ruggero, diventa  disertore e aiuta l’esercito italiano. Grande amico di Bruno è Franz, figlio di un ufficiale austriaco e amante della cultura e non della guerra come il padre. I due amici, oltre al essere rivali in guerra lo sono anche in amore visto che entrambi sono innamorati della bella Emma.

Nel cast insieme a Filippo Scicchitano (Bruno), Caterina Shulha (Emma), Alessandro Sperduti (Ruggero) e Alan Cappelli Goetz (Franz), troviamo Massimo Popolizio (nei panni del generale Cadorna) ed infine Edaordo Purgatori ( il giovane Emiliano della serie Un medico in famgila)

Scritto da Silvestra Sorbera

Silvestra Sorbera, classe 1983, piemontese di origini siciliane, è una giornalista e autrice di racconti e romanzi. Ha pubblicato nel 2009 “La prima indagine del Commissario Livia” e a maggio del 2016 la seconda indagine dal titolo “I fiori rubati” con la casa editrice LazyBOOK.
Nel 2013 ha realizzato la favola per bambini “Simone e la rana”, e il saggio letterario – cinematografico “La forma dell’acqua. Camilleri tra letteratura e fiction”. Nel 2014 pubblica con la casa editrice LazyBOOK i racconti “Vita da sfollati” e a seguire “Sicilia” e “La guerra di Piera” e a dicembre 2016 il romanzo autobiografico “Diario per mio figlio”.
A giugno 2016 con la casa editrice PortoSeguo il romanzo “Sono qui per l’amore”. Nel 2017 pubblica il racconto lungo new adult “Un amore tra gli scogli” e la favola “Simone e la rana. Viaggio nel castello stregato”.

Bianca Atzei

Bianca Atzei su Max Biaggi: “Sono stata all’Isola e ho voltato pagina”

primule

Primule Fuori Stagione: Trama e Recensione del romanzo di Luciana Pennino