Cosa vedere a Barcellona, i 5 luoghi più belli da visitare

barcellona_04_2

Una delle più belle città europee è senza ombra di dubbio Barcellona: è facile innamorarsene durante la prima visita e, più avanti, rimane sempre una grande voglia di tornarci. Il clima è, senza ombra di dubbio, un vero e proprio punto di forza di questa città, visto che il sole e il mare rendono una visita a Barcellona del tutto impossibile da dimenticare.

Non mancano ovviamente anche i punti di interesse e i monumenti: un patrimonio artistico e culturale di altissimo livello. Insomma, è facile innamorarsi di Barcellona e di decidere anche di trasferirsi lì, provando a cogliere un’occasione di lavoro interessante e cambiare non solo vita, ma anche e soprattutto clima e ambiente.

Dalla Sagrada Familia al Parc Guell

Tra i principali punti di interesse a Barcellona troviamo sicuramente la Sagrada Familia, il vero e proprio capolavoro che è stato realizzato da parte di Gaudì. Si può considerare a tutti gli effetti un monumento simbolo della città. Impossibile non rimanere a bocca aperta e impassibili di fronte a questa meravigliosa chiesa.

In realtà, questa chiesa maestosa non è stata ancora terminata: i lavori, però, si caratterizzano per proseguire in maniera estremamente lenta seguendo tutti i progetti originali di Gaudì. È sufficiente dare uno sguardo sia agli esterni, ma anche agli interni, visto gli spettacolari contrasti e uno stile che non ha eguali su tutta la faccia della Terra.

Un’altra tappa da non perdere quando si va a visitare Barcellona è sicuramente il casinò, che si trova in uno dei più noti quartieri notturni di questa meravigliosa città, ovvero il Port Olimpic. Un divertimento unico, ma anche un impatto estetico di altissimo livello, visto che è collocato alla base di un grattacielo ricco di tantissime luci e colori che presentano un aspetto decisamente moderno.

Eppure, al giorno d’oggi, le case da gioco reali sono state sopraffatte dalla grandissima diffusione delle piattaforme d’azzardo online. I casino italiani bonus senza deposito marchiati AAMS stanno avendo un successo incredibile, anche in virtù del fatto che offrono ai giocatori un’esperienza di gioco che ormai non ha praticamente nulla di meno rispetto ai casinò reali.

Un salto alla Rambla è d’obbligo: si tratta della via più nota di tutta la città. Lunga oltre un chilometro, partendo da Plaza Catalunya, snodandosi fino ad arrivare a toccare il mare. Non solo di giorno, ma anche di notte si riempie di tantissime persone e turisti, senza dimenticare come sulla Rambla ci sono tantissimi edifici e punti di interesse, come ad esempio il teatro Liceu, il mercato La Boqueria e il museo delle cere.

Una delle cose più belle di passeggiare sulla Rambla è quello di potersi godere lo splendido clima di Barcellona, e intanto dare uno sguardo alle opere che vengono realizzate in tempo reale da parte degli artisti di strada oppure andare alla ricerca di qualche spettacolare souvenir. Se non volete spendere troppo, è meglio evitare di fare una sosta ai tavolini dei tapas bar piuttosto che dei ristoranti che si trovano lungo la Rambla.

Un artista pazzesco come Gaudì ha lasciato in eredità a Barcellona anche un’altra opera di tutto rispetto: si tratta di Parc Guell. Una meraviglia che si può trovare a nord della città: si tratta di un parco che, durante la sua nascita, avrebbe dovuto rappresentare un complesso residenziale dedicato alla borghesia del ‘900. Quel progetto in breve tempo venne abbandonato e, al giorno d’oggi, il Parco Guell è diventato uno dei simboli di Barcellona.

Tra le migliori attrazioni di Barcellona troviamo la bellissima collina di Montjuic. Pensate che per visitare questa collina è meglio prendersi tutta una giornata. Si può raggiungere usando la tipica funivia che prende il via dal porto, oppure con i mezzi pubblici e una bellissima telecabina. Per i più in forma, c’è la possibilità di arrivare anche a piedi.

cado-dalle-nubi-checco-zalone-film

Immigrato, Nuova Canzone Checco Zalone: Video, Testo e Significato

migliore-linea-internet-casa

VPN, cos’è e perché sarebbe così importante quando si navga