Droga: il test del capello con analisi tossicologica

esame droga capelli

La droga, si sa, è da tempo diffusa in tutti i livelli della scala sociale. Non più solo in contesti di disagio o degrado, le sostanze stupefacenti sono un’abitudine di ogni sfera sociale che s’illude di trovare, con l’assunzione di queste sostanze, la risoluzione alle difficoltà o ai disagi esistenziali.

Se tramite le urine si possono individuare consumi di cannabis a distanza di massimo un mese e di cocaina e mdma solo per pochissimi giorni, tramite l’analisi del capello è teoricamente possibile individuare consumi fino a un anno di distanza, anche se di solito i test riguardano solo i tre mesi precedenti. L’esame di elezione è appunto il test del capello. Questo tipo di analisi è molto attendibile perché le sostanze stupefacenti si depositano più stabilmente nei capelli.

Con il test del capello si possono evidenziare tracce delle seguenti sostanze illegali: marijuana, cocaina (incluso crack), oppiacei (inclusa eroina, morfina e codeina), ketamina, anfetamine e MDMA. Viene rilevato anche l’Alcool. La permanenza nel capello di tutte queste sostanze è la stessa.

È noto ormai da tempo che le sostanze stupefacenti e i loro metaboliti si incorporano nella matrice cheratinica durante il processo metabolico e lì restano per lunghi periodi di tempo. Conoscendo la crescita del capello, che è in media 1 cm al mese e prelevando segmenti noti, si può risalire al periodo di assunzione della sostanza tossica. Tale accertamento, oltre che essere tra i più affidabili, in quanto si avvale delle più avanzate tecnologie diagnostiche, elimina la possibilità di adulterazione del campione, e permette un prelievo non invasivo nel pieno rispetto della privacy dell’individuo.

Il test rileva l’assunzione delle principali classi di sostanze stupefacenti:

–          Anfetamine: analoghi e loro metaboliti

–          Cannabinoidi

–          Cocaina: analoghi e loro metaboliti

–          Oppiacei: analoghi e loro metaboliti

–          Farmaci a base di oppiacei ( es. farmaci analgesici etc)

–          Ketamina

–          Benzodiazepine

–          Alcool

Come si esegue l’esame

Ordinariamente servono +o- 100 mg di capelli. I capelli vanno tagliati il più possibile vicini alla radice. Questo tipo di test si può eseguire anche su altri peli, quelli ascellari o pubici, o con capelli raccolti su vari oggetti se i capelli sono troppo corti o assenti o in quantitativo non sufficiente all’esame.

nuovo_libro_fabrizio_corona

Fabrizio Corona torna in carcere: ecco perché

sparatoria_vicenza

Migrante trovato morto a Capriglia Irpina: indagini in corso