Google GDPR: Editori in rivolta contro Mountain View

Molti si sono detti contrariati per la scelta di Google di rivoluzionare il proprio sistema a pochi giorni dall’entrata in vigore del GDPR, il nuovo regolamento europeo sulla privacy.

GDPR cos è cosa cambia

Il GDPR entrerà in vigore il 25 Maggio e nel mondo dell’editoria online regna il caos. Secondo alcuni sondaggi, infatti, solo un editore europeo su cinque è al corrente di tutti gli adempimenti di legge da completare entro la deadline del 25.

Mentre i grandi social network come Facebook, Instagram e Whatsapp già hanno iniziato a chiedere consensi espliciti agli utenti inerenti al trattamento dei dati e ad informare gli iscritti, il mondo del giornalismo online brancola nel buio.

Una nuova polemica, poi, agita il mondo dell’editoria. Alcuni publisher hanno accusato Google di usare la normativa a proprio favore, imponendo pesanti cambiamenti ai siti web in poco tempo.

Nella lettera inviata dal collettivo di editori al CEO di Google Pichai si legge:

«Consideriamo particolarmente preoccupante che tu abbia aspettato fino all’ultimo minuto, prima che il Gdpr entrasse in vigore, per annunciare questi termini ai publisher che ora hanno poco tempo per valutare la legalità e l’equità della tua proposta»

GDPR Google: Perchè gli Editori Protestano

Il timore dei gestori di siti web è che Google voglia scaricare la responsabilità di ottenere il consenso per il trattamento dei dati sui singoli e cambiare il proprio status da “processore di dati” a “controllore di dati”.

L’accusa, in pratica, è di voler acquisire una posizione predominante lasciando la responsabilità legale agli editori. Altro timore, poi, è dato dal gran numero di utenti che hanno deciso di non aderire a meccanismi di targetizzazione: non è ancora chiaro se ciò comporterà variazione nei compensi dei publisher.

Sundar Pichai Google GDPR

Da Mountain View, però, rassicurano. Secondo l’AD Sundar Pichai: Nessun effetto negativo, perché stiamo lavorando, duramente, alla compliance del Gdpr da 18 mesi. (…). Nel complesso, pensiamo di essere in grado di rispettare il GDPR, con un impatto positivo per gli utenti, gli editori e gli inserzionisti, e quindi senza far soffrire la nostra attività”.

Scritto da Matteo Squillante

Napoletano di nascita, attualmente vivo a Roma. Idealista e sognatore studente di Lettere presso l’Università di Roma Tor Vergata. Osservatore silenzioso e spesso pedante della società attuale. Scrivo di ciò che mi interessa, principalmente politica e temi sociali.
Twitter: @MattSquillante

crollo grattacielo a San Paolo

Crollo grattacielo a San Paolo in Brasile, Morti e Feriti

capitano maria

Il Capitano Maria: Trama, Personaggi e Cast della Serie Rai