Firenze, Adorazione dei Magi: agli Uffizi ritorna l’opera di Leonardo Da Vinci

adorazione-magi-leonardo

La Galleria degli Uffizi di Firenze ritrova finalmente uno dei capolavori di Leonardo Da Vinci, ovvero “L’adorazione dei Magi”, dipinto che dal novembre 2011, era stato consegnato ad esperti per venire ritoccato e restaurato. In effetti, il capolavoro, soffriva di un lento, ma inesorabile offuscamento della superficie pittorica causato dal sedimentarsi di materiali estranei, che nel corso di centinaia d’anni aveva ridotto il capolavoro ad un ammasso bruno e rossastro d’ombre fangose, prive di dettagli e difficilmente distinguibili.

GALLERIA UFFIZI: DOVE SARA’ ESPOSTA L’OPERA DI LEONARDO?

Oggi la meravigliosa opera pittorica è tornata a casa e a Firenze, nella Galleria degli Uffizi, verrà celebrata fino al 24 settembre con una mostra a lei dedicata al primo piano degli Uffizi. Poi verrà esposta lì dove è sempre stata, ovvero al secondo piano del Museo, tra la Resurrezione di Cristo e l’Annunciazione, della sala di Leonardo che il direttore che intende allestire a partire dall’autunno. L’opera, ultimata nel 1481, è uno dei dipinti più importanti della carriera pittorica di Leonardo, celebrato da diversi critici dell’arte come uno dei capolavori più incredibili della pittura italiana.

ADORAZIONE MAGI: L’OPERAZIONE DI RESTAURO

A riportare al suo antico splendore, ben 5 esperti di restauro, guidati da Roberto Bellucci e Patrizia Riitano, con la supervisione di Cecilia Frosinini e del responsabile dell’Opificio Marco Ciatti, che in cinque anni e mezzo hanno reso realtà un salvataggio praticamente impossibile. Ci sono voluti oltre 5 anni di lavoro e di grande supervisione per rivedere la splendida opera raggiungere il suo antico fascino, offuscato dal tempo. Sembrava un’operazione impossibile, ma è stata brillantemente superata, per la gioia e la soddisfazione del presidente dei Beni Culturali Italiani.

Galleria-Uffizi-Firenze

L‘Adorazione dei magi di Leonardo, segna il passaggio da una pittura Rinascimentale classica a una più innovativa, cosa che solo il genio di Vinci era in grado di fare. Un capolavoro che tornerà finalmente a far impressionare le migliaia di turisti che ogni giorno affollano la Galleria degli Uffizi di Firenze. 

Scritto da Marco Costanza

Nato ad Avellino nel 1989, aspirante giornalista. Amo e seguo lo sport a 360° ma mi occupo anche di altri settori. Vanto uno stage a Sky Sport 24, un Master in Giornalismo e altre esperienze con testate giornalistiche importanti.