Firme False Movimento 5 Stelle a Palermo: Primi Indagati

movimento-5-stelle

Guai in vista per il Movimento 5 Stelle. A Palermo l’inchiesta sulle firme false nel pieno della campagna elettorale per le comunali del 2012 porta ora ai primi iscritti nel registro degli indagati.

Il vaso di Pandora, recentemente scoperchiato di nuovo da Le Iene, ha provocato malumori all’interno del partito, che nel capoluogo siciliano si è appellato a un laconico “Verremo valutati dalla magistratura” alle domande incalzanti di Filippo Roma. La magistratura si è adoperata e nei prossimi giorni il procuratore Dino Petralia e la pm Claudia Ferrari interrogheranno gli indagati.

beppe-grillo-m5s

Ma cosa era successo? Nella primavera del 2012 un disguido aveva portato a una carenza di firme in casa pentastellata: in poche ore ne furono raccolte 1200, e questo ha allertato Procura e Le Iene, che hanno trovato prove chiare di una falsificazione a opera di una sola mano, peraltro con diversi errori.

A questo punto, Beppe Grillo ha fatto coming out, ringraziando pubblicamente Mediaset per il lavoro svolto e cercando il colpevole all’interno. Roma è stato però denunciato dal M5S, anche se gli indagati, ora, sono alcuni militanti del partito, che compariranno nei prossimi giorni per un interrogatorio, dal momento che la normativa prevede in questi casi la reclusione.

Scritto da Giorgio Billone

Sono nato e vivo a Palermo, dove studio Scienze della Comunicazione. Grande appassionato di cinema e sport, ma senza tralasciare cronaca e televisione. Qualcuno che la sa lunga ha detto: "Una notizia dovrebbe essere come una minigonna su una bella donna. Abbastanza lunga per coprire il soggetto, ma abbastanza breve per essere interessante".