Gabriele Del Grande incarcerato in Turchia: l’appello della Mogherini

Il reporter di Lucca arrestato nel confine siriano e detenuto in Turchia.

Importanti novità sul caso Gabriele Del Grande. La Mogherini, alto rappresentate Ue per la politica estera a Pechino ha rilasciato alcune dichiarazioni sugli sforzi apportati dallo stato italiano per il rilascio del reporter toscano. Infatti, domani, venerdì 21 aprile, il consolato italiano risiedente in Turchia, potrà incontrare Gabriele Del Grande, il regista toscano arrestato lo scorso 9 aprile al confine con la Siria e trattenuto da allora in un centro di detenzione amministrativa.

Queste, le parole di Federica Mogherini: “Ci siamo coordinati con le autorità italiane fin dal primo momento, come facciamo in casi simili in cui la responsabilità principale è dello stato membro. L’Ue, in questo particolare caso, si è attivata per sostenere l’azione dell’ambasciatore italiano ad Ankara, che oltretutto ho sentito nei giorni scorsi, per sostenere l’azione della Farnesina e del governo italiano rispetto alle autorità turche”.

federica-mogherini

Il corteo a Lucca e le parole del padre

A Lucca 300 persone hanno sfilato ed altrettante si stanno mobilitando per il corteo nella sua città natale. Dopo le parole del Ministro Angelino Alfano che dichiara che la nazione sta facendo il possibile per liberarlo, e le parole dell’ex Premier Renzi che crea l’hashtag #iostocongabriele arriva anche l’insperato appello del padre del giovane reporter. Queste le parole del padre, Massimo Del Grande, rilasciate ai microfoni di La Repubblica: “Gabriele è una persona che ha sempre dato voce a chi non ce l’ha e adesso chiede di dare voce a lui. Per questo tutti dobbiamo mobilitarci per lui, affinché torni a casa libero e dalla sua famiglia”.