Gomorra 2, Anticipazioni puntate di stasera su Rai 3 (7 Aprile 2017)

gomorra-2-rai-3-chiaro

Torna su Rai 3 la seconda stagione di Gomorra, che stasera ci mostrerà due nuove puntate ricche di copli di scena. Gli episodi che andranno in onda questa sera hanno come titoli “Occhi negli occhi” la prima e “‘O Track” la seconda. Nelle due puntate vedremo crescere molto i personaggi femminili della stagione, ossia Scianel e Patrizia, ma come al solito non mancherà una buona dose di violenza. Vediamo insieme le anticipazioni della trama.

ANTICIPAZIONI TRAMA: PUNTATA 5 “OCCHI NEGLI OCCHI”

In questa puntata il nucleo centrale della storia ruota intorno all’incontro tra Ciro e Genny. Mentre Ciro cerca un garante per l’incontro nella persona di don Aniello, i due si recano a Trieste, dov’è fissato l’incontro. Genny però riesce a sorprendere Ciro alle spalle, nella sua camera d’albergo. Gli punta una pistola alla testa ma decide di non sparare, dicendo al suo vecchio amico di ricordarsi il momento in cui avrebbe potuto ucciderlo ma che non l’ha fatto. Il giorno dopo, all’incontro ufficiale, Genny e Ciro arrivano ad un accordo: l’Alleanza comprerà droga soltanto dai Savastano, ma a condizione che questi ultimi restino confinati nel loro rione. Genny accetta. Venuto a sapere dell’accordo, il Boss Savastano va su tutte le furie, ritenendo di essere stato venduto.

gomorra-2-serie-tv

ANTICIPAZIONI TRAMA: PUNTATA 6 “‘O TRACK”

Nella sesta puntata, dopo che Ciro ha riferito l’accordo preso con Genny, i giovani del gruppo si sentono sfruttati e poco realizzati, così, senza chiedere permesso a nessuno, rapinano una sala giochi. Ciro chiede a Malamore di dare un avvertimento ai giovani, in modo che non possano più permettersi di fare di testa loro. Malamore allora organizza un pestaggio punitivo. Ciro decide ben presto di approfittare della situazione, chiedendo ai giovani di passare dalla sua parte.

Furore

Furore su Rai 2, Ospiti e Anticipazioni Seconda Puntata (7 aprile 2017)

federica-mogherini

Attacco Usa in Siria, Mogherini: “L’Unione Europea è stata avvertita prima”