Guadagnare su Internet: 10 consigli utili per chi vuole iniziare

creare-sito-web

Per molti resterà un sogno nel cassetto. Per altri un miraggio. Per altri ancora qualcosa di impossibile. Ed invece ancora oggi guadagnare su internet è possibile. Certo, è molto più complicato dello scorso decennio, ma c’è ancora chi col web ci vive. E anche più che dignitosamente.

Ecco una rapida guida con 10 consigli utili per chi è agli inizi e volesse provare questa “avventura”. Premessa indispensabile: prima di partire, è indispensabile elaborare una strategia, fissare degli obiettivi, individuare un target. E, soprattutto, saper aspettare: i risultati, nella stragrande maggioranza dei casi, richiedono tempi piuttosto lunghi per arrivare. Senza contare la possibilità (decisamente concreta, soprattutto per chi è alle prime armi) che il progetto possa non decollare o addirittura fallire.

Detto questo, siete pronti? Ecco 10 consigli per chi ha intenzione di guadagnare sul web, senza particolare esperienza nel settore (anche per questo utilizzeremo volutamente un linguaggio meno tecnico).

guadagnare-online

  • Il primo passo: crea un sito web. Pensa ad un nome, possibilmente breve e facile da ricordare, e verifica la disponibilità del dominio su uno dei numerosi servizi di hosting presenti nella giungla del web. Se si tratta di un sito in lingua italiana (rivolto, quindi, ad un pubblico italiano) è preferibile la scelta di un dominio .it. Viceversa, se si tratta di un progetto internazionale, è consigliabile il .com. Evitare estensioni troppo “innovative” perché molte di queste sono ancora in fase sperimentale.
  • Scegli un CMS (content management system). Se stai leggendo questa guida, non sei certamente un programmatore o uno sviluppatore. Hai quindi bisogno di una piattaforma, un CMS appunto, che funga da interfaccia tra te ed il sito web, dandoti la possibilità di configurare la grafica, le funzionalità, le immagini e, soprattutto, di gestire i contenuti. Noi consigliamo WordPress, che è di gran lunga il CMS più utilizzato al mondo (ci sarà un perché…).
  • Scegli l’argomento o gli argomenti da trattare. Affidati alle tue conoscenze in modo da dare il meglio di te stesso. Esempio: sei un amante del basket? Realizza un sito su questo sport. Solo se si ha veramente passione per ciò che si scrive si possono ottenere grandi risultati. Difficile pensare di poter sbarcare il lunario trattando argomenti su cui si è poco ferrati.
  • Creati una redazione. Contatta amici, conoscenti, appassionati dello stesso settore. Avvia una serie di collaborazioni selezionando attentamente chi possa darti una mano, contribuendo effettivamente al progetto (che però deve restare tuo!). Difficile immaginare di poter fare tutto da solo. Ma attenzione a chi potrebbe fregarti l’idea…
  • Elabora una strategia. Ancor prima di iniziare a pubblicare i primi contenuti, è indispensabile per qualsiasi progetto web pensare ad una strategia. A cominciare dalla struttura che dovrà avere il sito web stesso: di che tipo saranno i contenuti? Quali saranno le sezioni principali? Quali notizie l’utente vedrà maggiormente in home page? Di quante pagine sarà formato complessivamente il sito web? Tanti quesiti a cui solo un’attenta alberatura può dare una risposta.
  • Realizza i contenuti. Inizia seriamente a scrivere. Il sito, soprattutto perché nuovo, ha bisogno di essere popolato di contenuti per arricchire tutte le sezioni previste dall’alberatura. Devono essere contenuti unici, originali ed interessanti. Unici perché il lettore deve trovarli solo sul tuo sito, originali perché non devono essere frutto di copia/incolla, interessanti perché devono trattenere l’utente sulle pagine del tuo sito (e invogliarlo a tornarci in futuro).
  • Cura i contenuti. Non è sufficiente scrivere, scrivere e scrivere. I post meritano attenzione anche dopo la pubblicazione. Può capitare di dover tornare su propri contenuti pubblicati anche mesi o anni prima. Questo per migliorarli, aggiornarli, ottimizzarli: attività molto ben in vista dal motore di ricerca per eccellenza: Google. A volte è sufficiente anche dare una “rinfrescatina” a quei post che nel tempo si sono posizionati e vengono costantemente visitati. realizzare-sito-wordpress


 

  • Creati una community. I progetti online di maggior successo sono quelli che riescono a fidelizzare gli utenti, portandoli a tornare continuamente sullo stesso sito web. In tal senso, un’attenta attività sui social network può contribuire al concetto di community: creare un pubblico interessato per il quale il sito in questione diventa un punto di riferimento nella sterminata galassia del web. Dà la possibilità agli utenti di iscriversi alla newsletter (ci sono tanti servizi gratuiti in giro) in modo da restare sempre in contatto con loro. Raccogli le loro impressioni, siano esse positive o negative, al fine di migliorare costantemente.
  • Iscriviti ad Adsense. Se uno degli obiettivi del nascente sito web è monetizzare, non puoi fare a meno di Google Adsense, la piattaforma pubblicitaria online per eccellenza. Il circuito migliore, senza ombra di dubbio, per guadagnare online. Non a caso, da oltre un decennio, viene utilizzato da decine di milioni di società, magazine, blogger, etc. in ogni angolo del pianeta. L’iscrizione è gratuita ma bisogna essere accettati da Big G.
  • Cerca altre partnership. Non c’è solo Google Adsense. Negli ultimi anni è cresciuto a dismisura il numero di concessionarie pubblicitarie, centri media ed agenzie specializzate che propongono soluzioni a publisher, editor, webmaster. Soprattutto con il proliferare del mobile, che ha portato alla realizzazione di siti “responsive” (ottimizzati per qualsiasi device), si sono velocemente moltiplicati gli operatori del settore. Così come i banner ed i formati disponibili.

Giornalista pubblicista dal lontano 2000. Una smodata passione per la scrittura e per il web. Si guadagna da vivere nel reparto digital di una multinazionale americana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

luminarie-salerno-2017

Luci d’Artista Salerno 2016: Date, Programma e Attrazioni

sismografo-terremoto

Zone Sismiche in Italia, la Classificazione di INGV e Protezione Civile