Laconico: origine, etimologia e significato del termine

laconico

Che significa laconico? Quale è il significato del termine? Quale l’etimologia?

Ad alcune persone piace molto ricamare su alcuni discorsi puntualizzando l’argomento, confermandolo o smentirlo fornendo prove al riguardo; altri invece preferiscono essere più diretti andando subito al dunque senza giri di parole. Un aggettivo che indica tale caratteristica è laconico. Ma da dove deriva il termine?

Origine di Laconico: l’etimologia della parola

Laconico deriva dal lat. laconicus che a sua volta deriva dal greco lakonikos che sta per lacedemone. I Lacedemoni non erano altro che gli abitanti della Laconia, regione dell’Antica Grecia fondata intorno al XII secolo a.C. la cui capitale era Sparta. Laconico quindi vuol dire anche spartano, inteso come cittadino di Sparta.

Al riguardo scrive il Pianigiani nel suo Dizionario Etimologicoattributo del parlar bene e concettoso come solevano gli antichi abitanti della Laconia, regione del Peloponneso”. Questo perchè ai tempi gli spartani erano assai famosi per la loro frugalità, sobrietà al limite dell’austerità nella vita quotidiana nonché nel parlare e nello scrivere. Tale popolo infatti riduceva il superfluo e le comodità allo stretto necessario per dedicarsi alla sola ed unica loro vocazione: la guerra.

Non stupisce allora il fatto che una madre spartana, consegnando uno scudo al proprio figlio pronto per la battaglia, gli dica di far ritorno a casa “con questo o sopra questo” senza tanto lamentarsi per la separazione da esso (Plutarco, Apoftegmi Spartani, raccolta di sentenze e massime di personaggi spartani quali condottieri, re, mogli, madri, etc., I-II sec. d.C.)

Laconico: il significato del termine

Lo spartano rifugge qualsiasi cosa sia di troppo, così nello stile di vita come nella lingua e nella scrittura. Laconico conserva infatti quell’antica usanza spartana di parlare e scrivere in modo conciso, diretto, arrivando al punto del discorso. Laconico vuol dire anche sintetico, breve, cosa che rende una risposta, una lettera ancora più dura e pungente. Una persona a volte è laconica perché risulta di poche parole nel suo esprimersi asciuttamente e senza fronzoli.

A tal punto forse è meglio dire una sola parola, ma giusta, piuttosto che una di troppo.

I sinonimi e i contrari della parola laconico

Ora che sappiamo cosa significa la parola laconico, possiamo certo considerarne anche i sinonimi e i contrari. Il termine laconico, come visto in precedenza, sta ad indicare una persona concisa, di poche parole, taciturna. Il contrario del termine va quindi ricercato tra le parole ciarliero, logorroico, prolisso, ovvero aggettivi riferiti a colui che si prolunga troppo.

Laddove invece il termine si riferisse ad uno scritto, tra i sinonimi della parola laconico ritroviamo sicuramente i termini lapidario, scarno, secco, sintetico, stringato, sobrio, succinto, telegrafico (a seconda delle accezioni). Tra i contrari, invece, possiamo considerare l’uso di termini quali ridondante, sovrabbondante, magniloquente, gonfio, ampolloso.

Spopolamento Arminio Conte

Spopolamento Piccoli Comuni, Arminio scrive a Conte

cassie

Domani che giorno è? di Laura Cassie: Trama e Recensione