Mantova, ruba Rame e rimane folgorato in una cabina dell’Enel a Dosolo

mantova

Tragedia nel mantovano dove è stato ritrovato senza vita il corpo di un trentacinquenne all’interno di una cabina Enel. A scoprire il cadavere, proprio il figlio dell’uomo, un ragazzo di 14 anni che era in giro a cercarlo visto che il padre, uscito in serata, ancora non era tornato a casa.

L’uomo, sposato con 4 figli, era disoccupato ed aveva anche qualche precedente penale per furtarelli, visto che purtroppo non riusciva a campare 4 figli senza lavoro. Anche stavolta, l’uomo era uscito con l’intento di trafugare dei fili di rame, dalla cabina Enel dove è stato trovato senza vita a Dosolo (Mantova), ma prima aveva trafugato i cavi dall’Hotel Harvest, una struttura mai aperta e in disuso.

cabina-enel

Purtroppo, qualcosa è andato storto e una forte scarica elettrica lo ha folgorato sul colpo. Abitava con la famiglia a Lentigione di Brescello, a pochi chilometri da dove è stato ritrovato. Lascia una famiglia numerosa con bimbi piccoli. Un’altra tragedia che si somma a quelle che ogni giorno si vivono in una delle regioni più d’Italia.

Qualità della Vita 2016, Classifica delle città dove si vive meglio

Scritto da Marco Costanza

Nato ad Avellino nel 1989, aspirante giornalista. Amo e seguo lo sport a 360° ma mi occupo anche di altri settori. Vanto uno stage a Sky Sport 24, un Master in Giornalismo e altre esperienze con testate giornalistiche importanti.