Manuela Arcuri, oggi il Compleanno: compie 40 anni

manuela-arcuri
© La Presse Roma - Italy 09/01/2014 Photocall della Fiction RTI "Il Peccato e la Vergogna 2" con Manuela Arcuri e Gabriel Garko nella foto: Manuela Arcuri Fiction Il Peccato e La vergogna 2 Spettacolo Televisione

Per la bella Manuela Arcuri arriva oggi un traguardo importante: compie quarant’anni. Nata ad Anagni in provincia di Frosinone l’8 gennaio del 1977, ma cresciuta a Latina, è considerata una delle donne più sexy del mondo dello spettacolo italiano.

La sua passione per la recitazione nasce sin da giovanissima, dopo aver sfilato in centinaia di passerelle ed aver fatto professionalmente la modella per diversi fotoromanzi, decide di frequentare l’Accademia di Arte Drammatica “Pietro Scharoff” a Roma. Colleziona piccoli ruoli in importanti pellicole come “I laureati” di Leonardo Pieraccioni, “A spasso nel tempo” di Carlo Vanzina e “Viaggi di nozze” di Carlo Verdone.

La notorietà ed il successo arrivano dopo il diploma del 1997, con ruoli più importanti nelle pellicole “Bagnomaria” di Giorgio Panariello e “A ruota libera” di Vincenzo Salemme. Si spalancano per lei le porte della televisione, conducendo “Mai dire gol” nel 2001 e l’anno successivo il Festival di Sanremo, accanto a Pippo Baudo e Vittoria Belvedere.

Gli anni duemila sono contraddistinti dalle fiction, tra le più importanti: “Carabinieri”, “L’onore e il rispetto”, “Caterina e le sue figlie”, “Il peccato e la vergogna” “Pupetta” e “Sangue caldo”. Il suo ritorno televisivo avverrà proprio tra qualche giorno, con la quarta stagione de Il bello delle donne”, in onda su Canale 5 a partire dal 13 gennaio.

manuela-arcuri-showgirl

Oggi Manuela Arcuri è una donna personalmente soddisfatta e professionalmente appagata, complice la storia con l’imprenditore Giovanni Di Gianfrancesco ed il nuovo ruolo di mamma, che l’ha portata lontano dal piccolo schermo per qualche tempo. L’8 maggio 2014, infatti, ha avuto il suo primo figlio di nome Mattia.

Scritto da Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica e spettatore interessato di tutto ciò che è intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.