Ha dell’incredibile quanto accaduto quest’oggi a Milano dove un uomo, dopo essere stato allontanato da un bar per non aver pagato delle birre consumate, è tornato con due bottiglie piene di benzina ed ha dato fuoco al locale. Fortunatamente nessuno si è fatto male e il facinoroso avventore del bar, un marocchino noto al barista cinese per i suoi comportamenti molesti, è stato fermato poco dopo dalla Polizia e arrestato.

Incendia il bar dopo essere stato cacciato

Il fatto è avvenuto nella tarda mattinata di oggi in un bar di via Panigola nella zona sud di Milano. L’autore di questo insensato gesto ha consumato numerose birre e, alla richiesta di pagamento del barista cinese, ha iniziato a inveire in modo aggressivo, spingendo l’esercente a cacciarlo via dal locale. Sembrava fosse tutto finito, ma l’uomo non si è perso d’animo e si è ripresentato poco dopo con due bottiglie piene di benzina con cui ha dato fuoco al locale. Fortunatamente tutti i presenti sono riusciti a mettersi in salvo e l’incendio è stato domato facilmente dai Vigili del Fuoco intervenuti sul posto. Ovviamente l’uomo è stato arrestato dalla Polizia.

Delinquenza alla periferia di Milano

Non è la prima volta che le zone più periferiche del capoluogo lombardo sono teatro di fatti incresciosi: infatti, è passato meno di un mese dall’uccisione di un ragazzo con un cacciavite in un bar, episodio che destò non poco scalpore. In realtà sono tante le realtà in Italia dove episodi sgradevoli sono quasi all’ordine del giorno, segno di un degrado sociale abbastanza diffuso a cui bisognerebbe porre rimedio, oltre che con l’intervento severo della giustizia, anche con interventi più approfonditi a livello economico e sociale. Vi abbiamo riferito di questa notizia con la speranza di non dover raccontare nuovamente fatti di eguale gravità in tempi troppo brevi.

CONDIVIDI
Nato ad Aversa (CE) il 22 agosto 1994 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista, collaboro con i siti di Content Lab dal 2015 occupandomi di sport, politica e altro.