MotoGP, Andrea Iannone sospeso dalla FIM per doping

Andrea Iannone è stato trovato positivo ad un test antidoping effettuato lo scorso 3 novembre durante la gara di Sepang

andrea_iannone_doping

Il pilota della Aprilia Andrea Iannone è trovato positivo a un test antidoping della WADA (World Anti Doping Association) effettuato lo scorso 3 novembre a Sepang, durante la penultima gara di motociclismo. Lo ha reso noto la Federazione internazionale del motociclismo (Fim).

Il laboratorio della WADA, con sede a Kreischa (Germania) ha analizzato il campione di urina prelevato comunicando poi il risultato. Nelle urine del pilota del team Aprilia-Gresini sono state rinvenute tracce di una sostanza classificata sotto la sezione 1.1.a del regolamento come steroide anabolico androgeno di provenienza esogena (AAS).

Pertanto il pilota è stato sospeso dalle competizioni con effetto immediato (quindi da oggi 17 dicembre 2019) secondo l’articolo 7.9.1. del codice antidoping della Fim ma, ovviamente, ha diritto di richiedere la controanalisi del campione B.

Andrea Iannone Doping: le ipotesi

Andrea Iannone era stato confermato come pilota Aprilia anche per il 2020. Si era infortunato a Misano un mese e mezzo prima della gara di Sepang. Ciò avrebbe condotto lo stesso, s’ipotizza, a ricorrere a dei farmaci per favorire il recupero.

 

Palermitana d'origine, amo scrivere di tutto e osservare la realtà a 360 gradi.

cartoni_disney_tv_natale

Cartoni Disney in Tv a Natale, Capodanno ed Epifania: la lista completa

oscar 2019 nomination probabili vincitori

Oscar 2020: Il Traditore di Bellocchio escluso dalla lista dei candidati