N’Albero a Napoli, in 100mila hanno visitato l’attrazione alla Rotonda Diaz

nalbero-napoli

E’ stato frutto di diverse critiche, ma proprio oggi N’Albero a Napoli ha superato le 100mila presenze. Un record che indica come l’attrazione alla Rotonda Diaz sia stata ben apprezzata dai turisti e non solo.

Il fatidico traguardo è stato raggiunto intorno alle 12.00 di oggi quando è stato staccato il biglietto numero 100mila da quando è stato inaugurato il futuristico albero di Natale nella città partenopea. Secondo le statistiche provenienti dalla biglietteria poco più del 30% di coloro che hanno visitato N’Albero hanno poi scelto di avere accesso alle terrazze superiori della costruzione.

Ma a essere contenti di N’Albero sono anche i giostrai presenti in zona che hanno voluto esprimere la loro soddisfazione on una lettera aperta in cui si legge: “Fino a un mese fa la gente passeggiava solo su via Partenope grazie alla presenza di decine di ristoranti, pizzerie  e locali pubblici. Finalmente un grande attrattore ha creato un maggior equilibrio, dando vitalità anche alle attività della Caracciolo”.

nalbero-napoli

Intanto oggi proprio a N’Albero hanno fatto visita i professionisti napoletani che ogni anno organizzano “Santo Stefano in mutande”. Un’incursione in giacca e cravatta ma senza i pantaloni perché come ha spiegato Francesco Palumbo specializzando in radiologia: “Abbiamo voluto celebrare il nostro rito natalizio su N’Albero, che ci sembra un’iniziativa innovativa che caratterizza le feste in città e che ci sembrava giusto celebrare”.

Scritto da Nicola Salati

Scrivere una passione che poi è diventato un vero e proprio mestiere. Dal 2008 giornalista professionista cerco di raccontare quello che succede nel locale per poi spaziare nel globale, ma sempre considerando i punti fermi che deve avere un abile cronista: mai distaccarsi dalla realtà dei fatti ed essere puntuale e preciso evitando interpretazioni e opinioni.

polizia-milano

Milano, sequestrata e violentata da uno dei Trinitarios: Arrestato un dominicano

Diego Godin, Carlos Baca

Chapecoense, aereo precipitato per mancanza di benzina