L’Overshoot Day è un giorno molto triste per la Terra e per l’umanità. Oggi, 2 agosto, abbiamo esaurito tutte le risorse che il nostro pianeta poteva darci in un anno intero. Nel 2016 l’Overshoot Day è arrivato l’8 agosto, quindi quest’anno il dato è ancora più grave, e ci ricorda che la Terra ha finito le sue risorse 6 giorni prima. Cosa succederà nei prossimi anni? Cosa possiamo fare per il nostro amato pianeta?

COS’E’ L’OVERSHOOT DAY?

L’Hovershoot Day, anche chiamato “giorno della vergogna” segna una la data in cui il nostro pianeta Terra ha esaurito tutte le risorse “messe a budget” per un intero anno. In poche parole, a causa della deforestazione, della pesca incontrollata, l’utilizzo smodato di acqua, l’estrazione di combustibili fossili e così via, il nostro pianeta ha esaurito tutte le risorse per rigenerarsi, risorse che invece dovevano bastare per un intero anno. Sono passati solo 7 mesi dall’inizio del 2017, e i restanti mesi di quest’anno metterenno ancora più a rischio la “salute” della Terra.

Secondo i dati raccolti dal Global Footprint Network, stiamo consumando e inquinando risorse come se avessimo a disposizione 1,7 Terre; in poche parole, stiamo consumando molto più di quello che abbiamo.

COSA POSSIAMO FARE PER IL PIANETA TERRA?

Una buona fetta dei nostri consumi, in fatto di risorse, viene dal settore alimentare. Il 24% dei gas serra che emettiamo vengono infatti dal settore agricolo. Secondo le ricerche di Fondazione Barilla, un’attenzione maggiore alle nostre abitudini alimentari, potrebbe far migliorare nettamente i dati, e ritarderebbe di molto l’Overshoot Day.
Basterebbe fare più attenzione agli sprechi (non è inusuale, nei Paesi industrializzati, ritrovarsi a buttare più di quello che si consuma), limitare il consumo di proteine animali, ed evitare l’eccesso calorico nei pasti. Soltanto queste piccole accortezze potrebbero posticipare l’Overshoot Day di ben 42 giorni. Potrebbe sembrare poco, ma con dati che peggiorano di anno in anno, la differenza non sarebbe affatto disprezzabile.