Papa Francesco Angelus di Oggi, YouTube Video (12 marzo 2017)

papa-francesco

Anche in questa domenica 12 marzo 2017, come di consueto, Papa Francesco si è rivolto ai numerosissimi fedeli accorsi in Piazza San Pietro, per impartire la sua benedizione durante la recita della preghiera dell’Angelus. Di seguito vi proponiamo le parole ed il video in diretta dell’intero intervento.

“Cari fratelli e sorelle, buongiorno – ha esordito il Santo Padre – il Vangelo di questa seconda domenica di quaresima, ci presenta il racconto della trasfigurazione di Gesù. Chi muore con Cristo, con Cristo risorgerà, perché la croce è la porta della risurrezione. Chi lotta insieme a lui, con lui trionferà. Questo è il messaggio di speranza, la croce cristiana non è un suppellettile della casa o un ornamento da indossare, ma un richiamo all’amore con cui Gesù si è sacrificato per salvare l’umanità dal male e dal peccato”.

IL VIDEO DELL’ANGELUS DEL PAPA

PAPA FRANCESCO: “LA VIOLENZA E’ UN URLO NASCOSTO”

“Esprimo la mia vicinanza al popolo della Guatemala, che vive in lutto per il grave e triste incendio scoppiato all’interno della casa Refugio Virgen de la Asunción, causando vittime e ferite tra le ragazze che vi abitavano. Il signore accolga le loro anime, guarisca i feriti, consoli le loro famiglie e tutta la nazione. Prego anche e vi chiedo anche di pregare con me, per tutte le ragazze e i ragazzi vittime di violenza, di maltrattamenti, di sfruttamento e delle guerre. Questa è una piaga, un urlo nascosto che deve essere ascoltato da tutti noi e che non possiamo continuare a far finta di non ascoltarlo. A tutti auguro una buona domenica. Per favore non dimenticatevi di pregare per me. Buon pranzo e arrivederci“, ha concluso come al suo solito questo nuovo intervento settimanale il Pontefice.

Scritto da Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica e spettatore interessato di tutto ciò che è intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.