Papa Francesco a Milano, Blocco Traffico e Strade Chiuse (25 Marzo 2017)

papa-francesco

L’arrivo di Papa Francesco a Milano domani comporta come al solito una serie di divieti che andranno a gravare sulla popolazione residente. Infatti il 25 marzo nel capoluogo lombardo ci sarà una specie del blocco del traffico e diverse strade chiuse a ore e la chiusura di tre stazioni della metropolitana.

PAPA FRANCESCO A MILANO: LE ZONE INTERESSATE

Innanzitutto bisogna partire dal piano traffico che è stato studiato da Palazzo Marino. Così come comunicato nei giorni precedenti le strade verranno interdetta al traffico veicolare solo per il tempo necessario a far transitare il Papa. Le aree che saranno toccate dal Pontefice sono: Linate che è il punto di arrivo, via Salomone, piazza Duomo dove si terrà l’Angelus, il carcere di San Vittore per incontrare i detenuti, il parco di Monza per la messa, stadio San Siro e quindi la ripartenza da Linate.

papa-francesco-milano-strade-chiuse

PAPA FRANCESCO A MILANO: LE STRADE CHIUSE

Tra le strade chiuse a Milano andiamo a vedere zona per zona cosa succederà: zona 1 con corso di Porta Vittoria, piazza San Pietro in gessate, via Verziere, piazza Cordusio, piazza Santi Pietro e Lino, corso magenta, corso Porta Vercellina, via Vico, via Bandello, via Bosso e via degli Olivetani. Divieti anche in zona 4, dove saranno off limits via Repetti, via Marco Bruto, piazza Ovidio, via Attilio Regolo, via Numidia, via Salomone, via Mecenate, viale Corsica, via Lomellina, piazza Grandi, corso XXII marzo, piazza Santa Maria del Suffraggio. Chiuse al traffico in zona 8, invece, via Novara, via Caprilli, via Montale, via Lampugnano, via Checov, via de Gasperi e via Tesio. Divieti anche a nord di Milano, verso Sesto San Giovanni e Monza, dove si terrà la messa.

Scritto da Nicola Salati

Scrivere una passione che poi è diventato un vero e proprio mestiere. Dal 2008 giornalista professionista cerco di raccontare quello che succede nel locale per poi spaziare nel globale, ma sempre considerando i punti fermi che deve avere un abile cronista: mai distaccarsi dalla realtà dei fatti ed essere puntuale e preciso evitando interpretazioni e opinioni.