Pensioni Ultime Notizie Oggi (14 Febbraio 2017): Retribuzione Pensionabile, nati nel ’52 e Gestione Separata

riforma-pensioni

Sul tema pensioni, le novità del 14 febbraio sono varie. Partendo dalla retribuzione pensionabile che non è altro che quel valore che traduce in pensione, nel sistema retributivo, gli ultimi anni di stipendio percepito dal lavoratore. E’ dunque indispensabile per determinare le quote di pensione dei lavoratori che vantano contribuzione accreditata al 31 dicembre 1995. La retribuzione pensionabile, dipende direttamente dall’anzianità contributiva maturata dal lavoratore alla data del 31 dicembre 1992. 

Occorre poi calcolare il valore della retribuzione, che l’Inps fa seguendo un metodo semplice e particolare. Per i lavoratori dipendenti, si includono nella base di calcolo alcuni elementi accessori della retribuzione (ad esempio straordinari e premi di produzione); mentre per i lavoratori autonomi la retribuzione pensionabile è determinata dal reddito dichiarato ai fini fiscali.

Con una nota dell’Inps diramata in serata, vi è la novità il che riscatto nella gestione separata dell’Inps dei periodi lavorati prima del 1996 può essere concesso anche ai liberi professionisti che, nei periodi oggetto della richiesta, abbiano svolto un’attività lavorativa purché sotto forma di collaborazione coordinata e continuativa. Come noto l’articolo 51, comma 2, della legge n. 488 del 1999 ha previsto per i lavoratori iscritti alla gestione Separata dell’INPS la facoltà di riscattare i periodi di lavoro prestati mediante rapporti di collaborazione coordinata e continuativa precedentemente all’istituzione dell’obbligo contributivo di cui alla predetta gestione.

part-time-agevolato-pensione

Infine una nuova novità arriva dalla Commissione al Lavoro della Camera che continuerà a lavorare sul DDL Gnecchi, per rimuovere le ultime restrizioni imposte ai nati nel 1952 per l’accesso, in deroga alla legge Fornero. L’Inps, dopo aver limitato la disposizione ai soli lavoratori che al 28 dicembre 2011 si trovavano in costanza di attività lavorativa dipendente, ha recentemente rivisto la propria posizione in cui ha esteso il beneficio anche a coloro che non svolgevano attività di lavoro dipendente nel settore privato alla predetta data.

Scritto da Marco Costanza

Nato ad Avellino nel 1989, aspirante giornalista. Amo e seguo lo sport a 360° ma mi occupo anche di altri settori. Vanto uno stage a Sky Sport 24, un Master in Giornalismo e altre esperienze con testate giornalistiche importanti.

riforma-pensioni

Riforma Pensioni Ultime Notizie: Ape e Precoci i decreti attuativi

papa-francesco

Papa Francesco, Omelia Oggi: “Gelosia e Risentimento sentimenti non Cristiani”