Pensioni Ultime Notizie Oggi (19 febbraio 2017): Ape, Cumulo Gratuito e Garantito

pensioni-vecchiaia

In tema pensioni, oggi 19 febbraio, le novità riguardano l‘Ape, il Cumulo Gratuito e il Cumulo Garantito. Per quanto riguarda l’Ape, l’Inps dichiara come non ci sia la possibilità di accedere all’anticipo pensionistico per i lavoratori “quindicenni”. In che senso quindicenni, ovvero i lavoratori possono richiedere l’anticipo pensionistico con almeno 20 anni di contributi consecutivi per chiedere l’Ape volontario. Ancora di più per l’ape agevolato, ovvero 35 anni. Come dire che i lavoratori che non hanno ragguagliato almeno 20 anni di contributi l’approvazione della legge di bilancio non porta alcuna novità significativa per anticipare il ritiro. L’unica possibilità per questi lavoratori e lavoratrici di abbassare il requisito anagrafico per il pensionamento è quello di verificare se soddisfano le condizioni per accedere all’ottava salvaguardia pensionistica producendo apposita domanda, a pena di decadenza, entro il prossimo 2 marzo 2017.

Sembra invece ormai questione di poco l’arrivo del cumulo gratuito, volto alla valorizzazione delle carriere discontinue. Così come confermato dal sottosegretario al Lavoro e alle Politiche Sociali, Massimo Cassano, la Legge di Bilancio 2017 ha portato come novità quella della possibilità di ottenere un trattamento pensionistico unico per coloro che hanno accantonato periodi contributivi in diverse gestioni che parteciperanno, pro quota, alla definizione della pensione con l’inclusione della contribuzione presente nell’Inpgi.

riforma-pensioni

Ma una nuova interessante novità arriva anche dal cumulo garantito, ovvero i lavoratori che ritengano di potersi avvalere del cumulo dei periodi assicurativi , in presenza di periodi di iscrizione e contribuzione presso altre gestioni previdenziali non coincidenti con quelli maturati in Cassa Forense, ai fini del conseguimento di un’unica pensione. I soggetti che avessero presentato domanda di pensione con totalizzazione, anteriormente al 31-12-2016, e il cui procedimento amministrativo non sia stato ancora concluso, possono avvalersi del nuovo istituto , se ritenuto più favorevole, previa rinuncia alla domanda di totalizzazione.

Scritto da Marco Costanza

Nato ad Avellino nel 1989, aspirante giornalista. Amo e seguo lo sport a 360° ma mi occupo anche di altri settori. Vanto uno stage a Sky Sport 24, un Master in Giornalismo e altre esperienze con testate giornalistiche importanti.

riforma-pensioni

Riforma Pensioni 2017, Tito Boeri: “Il problema sono quelli baby”

Palme in Piazza del Duomo a Milano

Milano, palma incendiata a Piazza del Duomo