Un placebo senza basi scientifiche: i medici bocciano l’omeopatia

Trattare una patologia con rimedi omeopatici sarebbe come non trattarla affatto: la posizione della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici

L’ordine dei medici boccia l’omeopatia: è solo effetto placebo
Non c’è alcuna base scientifica a sostegno dell’omeopatia e tutti gli effetti che il suo utilizzo può avere nei pazienti sono con buona probabilità dovuti a un semplice effetto placebo. E’ questa, senza mezzi termini, la posizione che la medicina prende ufficialmente nei confronti dell’omeopatia, attraverso una scheda informativa della Fnomceo (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici) in cui si spiega come diversi studi nel corso del tempo su soggetti e patologie diverse abbiamo evidenziato che non c’è di fatto alcuna patologia che possa ottenere guarigioni complete o parziali né concreti miglioramenti se trattata unicamente con metodi omeopatici.

Trattare con l’omeopatia è come non trattare

Secondo l’Ordine, trattare una malattia con rimedi omeopatici equivarrebbe nelle migliori delle ipotesi a non trattarla con in alcun modo. D’altra parte, tuttavia, non mancano pubblicazioni e vari studi a sostegno delle cure omeopatiche ma a questo riguardo l’Ordine dei Medici sostiene la non esistenza di prove scientifiche concrete né tanto meno di una qualsiasi plausibilità biologica a sostegno della fondatezza delle teorie omeopatiche. A mancare, come scrive il dottor Salvo Di Grazia autore del documento, sarebbe proprio una corrispondenza secondo i canoni classici della ricerca scientifica.

Effetto placebo

Da tempo poi si discute anche sul così detto effetto placebo, ossia il miglioramento lieve o più intenso (in alcuni casi, anche una totale guarigione) delle condizioni di un paziente strettamente legate alla grande fiducia nel potere curativo riposta dallo stesso nei confronti delle terapie e delle cure da questo messe in atto, cure che il più delle volte prevedono l’assunzione di farmaci in realtà inerti privi di alcun principio attivo specifico per la patologia da trattare.

Un dibattito controverso

Sull’effetto placebo la comunità scientifica si confronta da sempre, con posizioni spesso discordanti. Unisce senza subbio la consapevolezza di un principio a base neurofisiologico e che si siano riscontrati effetti anche su bambini e su animali. Tuttavia, a dividere l’opinione pubblica ma anche professionale dei medici è soprattutto l’utilizzo dell’effetto placebo da un punto di vista etico e morale.

Perché i medici prescrivono farmaci omeopatici?

Ma allora perché, viene da chiedersi, spesso sono proprio i medici stessi a prescrivere ai propri pazienti farmaci omeopatici? La scheda informativa della Fnomceo spiega a questo proposito che in Italia solo medici chirurghi abilitati alla professione possono praticare l’omeopatia e quindi prescrivere prodotti di questo tipo. Norma il cui intento e fondamento non starebbe ad attribuire alla pratica omeopatica una qualche base scientifica ma come doppia garanzia nei confronti del paziente. Da un lato, infatti, questo può praticare il proprio diritto alla libertà di scelta terapeutica e, dall’altro, si garantisce un uso integrativo e limitato alla cura di disturbi poco gravi e autolimitanti, evitando così il rischio di una diagnosi più tarda e una somministrazione di cure più efficaci al cui il paziente preferisce sottrarsi spesso per pigrizia o per paura.

Mattarella Veto Savona

Mattarella decide per il Governo Tecnico (VIDEO)

Atac Sciopero 8 giugno

Bus ATAC a fuoco a Roma in Via del Tritone