Ponte Morandi, falsi controlli su viadotti: arresti per Autostrade

Le misure cautelari sono scattate anche nei confronti di appartenenti a Spea Engineering e di un consulente esterno appartenente al gruppo Atlantia

ponte_morandi

Nove misure cautelari sono state eseguite dalla Guardia di Finanza di Genova nei confronti di appartenenti ad Autostrade, Spea Engineering e di un consulente esterno alle due società del gruppo Atlantia per i presunti pseudo controlli effettuati sui viadotti dopo il crollo del Ponte Morandi avvenuto il 14 agosto del 2018, in cui sono morte 43 persone.

Arresti a tappeto e misure interdittive: due riguardano uomini di Autostrade e sei la controllata Spea, società gestita proprio da Autostrade e delegata a monitoraggi e manutenzioni della rete autostradale

I militari del Primo Gruppo, diretti dal colonnello Ivan Bixio e dal tenente colonnello Giampaolo Lo Turco, si sono recati presso le diverse sedi di Genova, Milano e Roma, con in mano l’ordinanza firmata dal gip Angela Nutini.

L’esito del blitz

La vasta operazione eseguita dalla Guardia di Finanza rientra in un fascicolo parallelo a quello sulle cause del crollo di Ponte Morandi, e riguarda i controlli su altri viadotti della rete di Autostrade. Secondo quanto emerso nell’indagine, sarebbero stati falsificati i rapporti sulla sicurezza di ponti e viadotto anche dopo la tragedia.

 

Palermitana d'origine, amo scrivere di tutto e osservare la realtà a 360 gradi.

trasloco

Traslocare a Milano: guida all’uso

stomaco_tolto_per_sbaglio_milano

Milano, le asportano stomaco ‘per errore’: 2 chirurghi a processo