Traduttore salernitano del tribunale non capisce il casertano: processo rinviato

Curiosa vicenda al tribunale di Belluno: l’imputato casertano non è stato ancora processato perchè il traduttore salernitano non capiva il suo dialetto.

giustizia-aula-tribunale

Non tutti i dialetti campani sono uguali: a dimostrarlo una particolare vicenda che sta avendo luogo in questi mesi presso il tribunale di Belluno. La materia a contendere è molto seria: una donna ha denunciato suo marito casertano per maltrattamenti e violenze sessuali. Al vaglio degli inquirenti ci sono ore di registrazioni telefoniche in cui l’imputato casertano rivolge minacce ed insulti alla signora in dialetto locale stretto. Il processo, però, è fermo da mesi perchè sembra impossibile trovare un traduttore che riesca a tradurre il casertano.

Il tribunale dispone di un traduttore di origine salernitana che ha gettato la spugna. Il salernitano non capiva l’uomo casertano. Il processo ha trovato una svolta con l’arrivo a Belluno di un carabiniere casertano che si è reso disponibile al lavoro di traduzione: il militare ha chiesto alla corte 90 giorni di tempo.

Nonostante la vicenda sia tragica, è interessante notare come non tutti i dialetti campani siano definibili genericamente come “napoletano” e come l’ambito giuridico ancora risenta della forte differenziazione dei dialetti italiani. Proprio come un secolo fa.

Scritto da Matteo Squillante

Napoletano di nascita, attualmente vivo a Roma. Idealista e sognatore studente di Lettere presso l’Università di Roma Tor Vergata. Osservatore silenzioso e spesso pedante della società attuale. Scrivo di ciò che mi interessa, principalmente politica e temi sociali.
Twitter: @MattSquillante

Sciopero Scuola 8 Gennaio Motivazioni

Sciopero Nazionale Trasporti 8 Marzo: Orari e Fasce garantite

96bf873ea3be8667de8e858ef2845a85

Beverly Hills 90210, il revival: cast, trama e curiosità