Qual è la differenza tra Bitcoin e Ripple? Scopriamo qualcosa in più su queste due criptovalute

Bitcoin

Un settore in totale ascesa negli ultimi anni in ambito finanziario è quello della blockchain. Eppure, nonostante tale sistema sia diventato piuttosto noto, c’è ancora così tanta confusione e pregiudizio nel mondo della criptovaluta, e in mezzo a questo mare magnum di occasioni e scenari un nome che continua a salire in modo preponderante è il Ripple. La domanda che più spesso viene posta è circa la differenza tra i Bitcoin (ancora la criptovaluta più nota basata sulla blockchain) e il Ripple.

Proviamo a togliere un po’ di nebulosità in materia spiegando cos’è esattamente Ripple e cosa lo differenzia dai Bitcoin.

Prima di entrare in ulteriori dettagli, ricorda sempre che investire in criptovalute o token è altamente speculativo e il mercato è in gran parte non regolamentato. Il consiglio è sempre di essere oculati negli investimenti e utilizzare piattaforme con feedback di utenti per lo più positivi.

Ripple vs Bitcoin

Come abbiamo già premesso, partiamo dalla differenza fra queste due tipologie di criptovalute, i famosi Bitcoin – a cui la blockchain deve gran parte della sua notorietà – e i nuovi Ripple. Mentre il Bitcoin è una valuta digitale intesa come mezzo di pagamento per beni e servizi, Ripple è un sistema di regolamento dei pagamenti, di cambio e di rimessa destinato a banche e reti di pagamento.

L’idea è quella di fornire un sistema per il trasferimento diretto di attività (ad es. Denaro, oro, ecc.)  il quale si deposita in tempo quasi reale ed è un’alternativa più economica, trasparente e sicura ai sistemi di trasferimento utilizzati dalle banche oggi, come il Sistema di pagamento SWIFT. Il Bitcoin si basa sulla tecnologia blockchain, mentre Ripple non utilizza blockchain ma utilizza un registro di consenso distribuito che utilizza una rete di server di convalida e token crittografici chiamati XRP (a volte denominato Ripples).

Token XRP: cos’è il server di convalida usato da Ripple

L’XRP – che è l’attuale criptovaluta – è un token che viene utilizzato sulla rete Ripple per facilitare i trasferimenti di denaro tra valute diverse. I sistemi di regolamento esistenti utilizzano generalmente i dollari USA come valuta comune per la conversione tra altre valute. Ciò comporta spese di cambio e richiede tempo, motivo per cui i trasferimenti bancari tra conti in diversi paesi spesso richiedono fino a tre giorni per l’elaborazione.

ripple

Quali sono i vantaggi dell’uso del Ripple

Ripple è un sistema in forte ascesa grazie al suo cambio valuta a commissioni basse. Esistono molte valute che non possono essere convertite direttamente l’una nell’altra. Pertanto, le banche devono utilizzare il dollaro USA come mediatore. Quindi, c’è una doppia commissione: convertire la valuta A in USD e USD in valuta B. Anche Ripple è un mediatore, ma molto più economico dell’USD. Altro vantaggio sono le transazioni internazionali veloci. Il tempo medio di transazione è di 4 secondi. Nel caso dei Bitcoin si parla di un’ora o più e qualche giorno per i normali sistemi bancari. Creazione di un ecosistema di pagamento. L’utente può fondamentalmente emettere la propria valuta per transazioni veloci ed economiche.

In definitiva: Ripple è stato originariamente progettato come un sistema di pagamento quotidiano, quindi è molto più efficiente rispetto a Bitcoin. Di conseguenza, le transazioni sono molto più veloci ed economiche. Ripple ha iniziato come organizzazione ufficiale, poiché il suo obiettivo principale deve essere utilizzato dalle banche (cryptobanche). Quindi non è oggetto di controlli a più normative come molte altre criptovalute.