Riforma Pensioni 2017, data incontro Governo-Sindacati su Ape e Precoci

riforma-pensioni

Il 21 febbraio si terrà un nuovo incontro tra il Ministro del lavoro Giuliano Poletti e i sindacati Cgil, Cisl e Uil sul tema riforma pensioni e in particolare sulle questioni spinose Ape e Precoci. Una nota diffusa ieri in serata dal Dicastero di Via Veneto indica che l’invito è rivolto ai segretari generali dei tre sindacati confederali per il 21 febbraio alle 16.00. La riunione è finalizzata per riprendere il dialogo tra governo e sindacati interrotto dallo scorso settembre per via della caduta del Governo Renzi a dicembre.

Sul tavolo delle trattative ci sarà ovviamente il tema dell’Ape, ovvero dell’anticipo pensionistico contenuto nella legge di bilancio che deve decollare il 1 maggio 2017 in favore dei lavoratori dipendenti ed autonomi che hanno raggiunto i 63 anni di età e la normativa in favore dei lavoratori precoci. In particolare il confronto si avrà sui requisiti di accesso alla legge, che ancora ora mette in conflitto i sindacati e i lavoratori.

L’APE consentirà dal 1 maggio 2017 sia ai lavoratori dipendenti che ai lavoratori autonomi di chiedere un prestito erogato dall’Inps per il tramite di banche ed assicurazioni, il cui valore è rapportato alla pensione futura, sino al perfezionamento degli ordinari requisiti per la pensione di vecchiaia. La misura sarà sperimentale, durerà due anni, sino al 31 dicembre 2018. Il massimo che l’Inps erogherà come anticipo pensionistico ai richiedenti sarà di massimo 700 euro al mese. All’operazione potranno partecipare anche le imprese versando una contribuzione all’Inps in grado di far incrementare la pensione del lavoratore e, quindi, contenendo o azzerando del tutto la rata di restituzione del prestito pensionistico.

ministro-poletti-polemica-giovani-estero

Il sussidio sarà interamente a carico dello Stato e, pertanto, a differenza dell’APE volontario non prevede alcuna decurtazione sul valore finale della pensione. Per l’accesso al sussidio bisognerà avere un requisito contributivo superiore a quello richiesto per conseguire l’ape volontario pari almeno a 30 anni, 36 anni per chi svolge lavori difficoltosi o rischiosi.

Scritto da Marco Costanza

Nato ad Avellino nel 1989, aspirante giornalista. Amo e seguo lo sport a 360° ma mi occupo anche di altri settori. Vanto uno stage a Sky Sport 24, un Master in Giornalismo e altre esperienze con testate giornalistiche importanti.

Sacrario Foibe

Foibe, oggi la Giornata del Ricordo in tutta Italia

pensioni-vecchiaia

Pensioni Ultime Notizie Oggi (10 Febbraio 2017): Anticipate, Opzione Donna, Ape Social e Quota 41