Riforma Pensioni 2017, Oggi Confronto Governo-Sindacati su Ape e Lavoratori Precoci

governo-sindacati-incontro-pensioni

Si tiene oggi il secondo tavolo di confronto tra Governo e Sindacati sulla Riforma Pensioni. Oggi il confronto verterà su Ape e lavoratori precoci in maniera di arrivare a una conclusione che possa dare avvio alla Fase 2.

In merito ai tre tipi di Ape (volontaria, sociale e aziendale) la discussione verterà sui requisiti di accesso alla misura di anticipo pensionistico e sulle modalità per conseguire questo beneficio. Tematiche che andranno poi a essere tradotte in decreti attuativi che devono essere adottati entro domani dal Consiglio dei Ministri: non è escluso, così come anticipato negli scorsi giorni che possa essere preso qualche altro giorno per scriverli.

LA QUESTIONE DEI LAVORATORI PRECOCI

Ma la questione che tiene maggiormente in scacco il confronto è relativa ai lavoratori precoci. La loro vertenza sarà sede di discussione con gli stessi lavoratori che si sono dati appuntamento a Roma per manifestare attraverso un presidio la loro presenza. In particolare si vuole che nella Riforma vengano a essere resi più morbidi i requisiti previsti per accedere alla misura pensionistica anticipatoria della fine lavorativa. Quello che non va giù è quell’anno di contribuzione che bisogna dover dimostrare di aver pagato entro il compimento del diciannovesimo anno di età. Un requisito che i lavoratori considerano ostativo poiché molti verrebbero tagliati fuori.

riforma-pensioni

CALENDARIO PROSSIMI APPUNTAMENTI

Ma la concertazione tra Governo e Sindacati non finisce certo oggi perché dopo il primo incontro di febbraio è stato stilato un calendario fitto che prevede oltre alla data del 1 marzo altri tavoli concertativi il 9 e il 23 di questo mese. Si accelerano i tempi per dare così il via alla Fase 2 che sarà dedicata a giovani, donne e adeguamenti alle aspettative di vita.

Scritto da Nicola Salati

Scrivere una passione che poi è diventato un vero e proprio mestiere. Dal 2008 giornalista professionista cerco di raccontare quello che succede nel locale per poi spaziare nel globale, ma sempre considerando i punti fermi che deve avere un abile cronista: mai distaccarsi dalla realtà dei fatti ed essere puntuale e preciso evitando interpretazioni e opinioni.