Riforma Prescrizione Penale Bonafede: quando entra in vigore e cosa cambia

Cosa cambia con la riforma della prescrizione voluta fortemente dal Movimento 5 Stelle?

riforma_prescrizione_penale_bonafede

La riforma della prescrizione è oggetto di numerosi dibattiti e polemiche che continuano a dividere la maggioranza nonostante la sua entrata in vigore sia imminente: 1° gennaio 2020. Volutamente fortemente dal Movimento 5 Stelle, la riforma continua a destare perplessità tra i vari i membri politici: infatti Italia Viva, Forza Italia, Fratelli d’Italia e Lega sono contrari e quindi optano per il “no”, mentre dall’altro c’è stata un’apertura del Partito Democratico.

Lungo la scia delle diatribe si collocano due correnti di pensiero: da un lato c’è che ritiene che lo stop della prescrizione dopo il primo grado favorisca l’impunità dei reati; dall’altro, invece, molti credono che la modifica possa aumentare i tempi della giustizia italiana. Insomma una riforma che, a dire di molti, potrebbe peggiore ulteriormente la giustizia.

Riforma Prescrizione Bonafede: i pro e i contro

Ma cosa prevede nel concreto il testo della riforma? Anzitutto l’interruzione dei termini di prescrizione dopo la sentenza di primo grado sia in caso di condanna che di assoluzione, in modo tale da non allungare le procedure “burocratiche” e non della Giustizia Penale provocando così la prescrizione dei reati, il che vorrebbe dire lasciare impuniti i colpevoli.

C’è un “ma” a monte, dal momento che i detrattori rinvengono nella suddetta un emendamento inutile, dannoso e anticostituzionale posto che: in primis perché non accorcia le tempistiche delle indagini rappresentando così la causa principale dell’eccessiva durata dei tempi di giustizia; in secondo luogo, aumenta i tempi dei processi successivi a quello di primo grado poiché, dopo che il reato cade in prescrizione, si perderebbe la “verve” nel procedere con un secondo grado di giudizio.

Cosa dice la disciplina attualmente in vigore? Secondo l’attuale giurisprudenza, la prescrizione dei reati comincia il suo decorso dal giorno in cui il fatto è stato compiuto e non si blocca, quindi, quando il giudice oppure il pm emettono il verdetto per assicurare l’imputato alla giustizia, cosa che piuttosto accade ai termini di prescrizione in ambito civile.

Invece la Riforma del ministro Bonafede introdurrebbe lo stop alla decorrenza dei termini anche nel penale. Comunque sia la nuova disciplina riguarderà solamente i reati commessi a partire dal 1° gennaio 2020 in poi.

 

 

 

Palermitana d'origine, amo scrivere di tutto e osservare la realtà a 360 gradi.

reggio_emilia_bimbo_morto

Litigio per testamento a Milano: padre accoltella figlio e si costituisce

fondi_illeciti_a_radio_padania

Fondi Illeciti a Radio Padania: tesoriere Centemero rischia processo