Come risolvere il test del cocomero: la soluzione (FOTO)

Il test del cocomero è uno dei quiz più in voga attualmente diffuso su Facebook e il 90% delle persone lo sbaglia

test cocomero

Quiz e indovinelli apparentemente facili da risolvere come si fa col famoso cubo di Rubik testati per mettere alla prova la nostra pazienza e soprattutto… l’intelligenza. Proprio per questo vi vogliamo proporre il quiz dei cocomeri, molto in voga sui social network, in particolare su Facebook.

Non fatevi trarre in inganno dai cocomeri, freschi e appetitosi per un estate incandescente alle porte. Fatta l’ironica premessa, iniziamo a fare sul serio proponendovi il test in questione, generalmente sottovalutato da chi non presta estrema attenzione.

La domanda sorge spontanea: quanti cocomeri vedete? Interrogativo dall’apparenza banale ma che nasconde il ben celato obiettivo di indurre in errore chiunque tenti di risolvere l’enigma proposto.

come_risolvere_test_cocomero

Test del cocomero: la procedura

Inizialmente pensiamo di avere 4 angurie a sinistri. Ma dal momento che un 1/4 è stato estrapolato, ecco come dovreste agire: tagliarli a pezzi per risolvere l’enigma. Anzitutto occorre ‘tagliare’ ogni cocomero a metà e mettere quelli insieme. Poi mettere il resto i quarti insieme. Ora riprovateci, forse con questo suggerimento sarete più avvantaggiati.

L’errore da evitare

L’errore classico è contare le angurie sezionate come intere, e rispondere che nella foto ci sono otto angurie. Naturalmente non è così! Perché? La risposta è semplice: bisogna contare quante angurie ‘intere’ sono presenti nell’immagine.

In altre parole, le quattro metà dell’anguria valgono due cocomeri mentre, osservando i ‘meloni’ (alla siciliana) collocati ai quattro vertici del quadrato si nota che a ognuna di esse manca una fetta corrispondente a 1/4 del totale.

Ergo, su un totale di quattro angurie, fanno 4/4 mancanti, quindi un anguria in meno e 3 piene. Ragion per cui, se la matematica non è un’opinione, ci sono cinque angurie. Good luck internauti!

Palermitana d'origine, amo scrivere di tutto e osservare la realtà a 360 gradi.