Perché si festeggia Santa Lucia a Palermo: Origini, Tradizioni e Ricette

Arancine con carne

arancina palermitana
Arancina Palermitana

Le arancine rappresentano il made in Sicily per eccellenza, sebbene nel resto dell’isola sia conosciuta come ‘arancino’. Tradizione vuole che sia stato un emiro arabo a realizzare il timballo di riso, considerato che doveva portare qualcosa da mangiare quando andava a caccia. Il colpo di genio ci fu: ossia modificare la forma del timballo di riso, composto con pezzetti di carne e colorato con zafferano, a mo’ di arancia, che impanata e fritta resisteva al trasporto.

Anche questo prodotto raffinato si è ‘globalizzato’ ma la tradizione è tradizione, e l’arancina al ragù di carne rappresenta il classico, che non passa mai di moda.

Ingredienti:

  • 1 kg di riso originario;
  • 2 l di acqua;
  • 20 g di sale;
  • 20 g di dado classico;
  • 50 g di burro;
  • 2 foglie d’alloro;
  • 1 bustina di zafferano;
  • pepe q b.
Procedimento:
  • Preparare il riso e lasciarlo raffreddare;
  • Sciogliere il burro nel tegame;
  • Aggiungere il riso e mescolare;
  • Aggiungere acqua e il resto degli ingredienti;
  • Far cuocere;
  • Mettere a raffreddare.
Il ragù

Ingredienti:

  •  500 g tritato di carne;
  • 1 cipolla;
  • 1 l di salsa;
  • 200 g piselli;
  • olio extravergine di oliva;
  • 1/2 bicchiere di vino bianco;
  • sale e pepe q b.
Procedimento:
  • Soffriggere in un tegame la cipolla con l’olio;
  • Aggiungere il tritato e farlo rosolare a fiamma viva, sgranarlo con un cucchiaio di legno e sfumarlo col vino;
  • Aggiungere sale, pepe e salsa di pomodoro;
  • Aggiungere i piselli a metà cottura;
  • Cuocere.

Per formare le arancine:

Prendere il riso e porlo sul palmo della mano in modo da formare una cavità dove aggiungere un cucchiaio di ragù. Poi prendere un altro po’ di riso per coprire il ragù. Compattare il composto dando forma all’arancina. A questo punto, passarla in una pastella non troppo liquida realizzata con acqua e farina e, infine, ricoprire col pangrattato. A procedimento ultimato, si può friggere in abbondate olio bollente fino a quando non sarà ben dorata.

Panelle

festa_santa_lucia_palermo

Vengono preparate con farina di ceci, acqua, prezzemolo tritato, sale e pepe.

Procedimento:

  • Acquistare una confezione di farina di ceci da 500 gr;
  • Riempire la pentola con un litro e mezzo di acqua;
  • Far cadere, mediante uso del colino, la farina di ceci;
  • Mescolare con un cucchiaio di legno fino a che la farina non si scioglie del tutto;
  • Cucinare a fuoco medio, per circa 30 min e mescolare continuamente per evitare che l’impasto si attacchi al fondo della pentola;
  • Aggiungere sale, pepe e prezzemolo;
  • Mettere il composto ancora caldo in un contenitore di forma rettangolare e lasciarlo raffreddare;
  • Tagliare a fettine (avranno una forma semisolida);
  • Friggere in olio di semi bollente.

 

Palermitana d'origine, amo scrivere di tutto e osservare la realtà a 360 gradi.