Sciopero 8 marzo 2017, Donne in piazza contro la Violenza

corteo-violenza-donne

Uno sciopero che sarà partecipato e che avrà una forte valenza non solo simbolica. E’ quello che metteranno in piazza le donne il prossimo 8 marzo 2017 quando faranno valere i loro diritti contro la violenza.

L’8 marzo infatti quando ricorre la festa della donna sarà il genere femminile a scendere in piazza per ribadire le proprie ragioni. Tante le iniziative messe in campo dall’Associazione “Non una di meno” e che sono state raccolte dai sindacati confederali e di base. Uno sciopero quindi reale e produttivo e non solo simbolico quello che verrà messo in atto in quanto si ferma tutto il comparto trasporti sia esso pubblico o privato. Ma non è detto che allo sciopero non aderiscano altri settori che hanno già datola loro disponibilità per un vero sciopero generale contro la violenza sulle donne.

associazione-non-una-di-meno

LA LETTERA DELLA CGIL ALLE DONNE

Lo scorso 1 marzo la Cgil ha voluto far sentire la propria partecipazione con un’accorata lettera scritta all’Associazione “Non una di meno”: “L’8 marzo parteciperemo a tutte le iniziative che si svolgeranno nei territori, insieme ai tanti soggetti che si mobilitano e, dove possibile, saremo promotrici di iniziative – dalle assemblee alle manifestazioni, fino allo sciopero – che siamo pronte a proclamare in ogni luogo di lavoro in cui se ne verifichino le condizioni e il consenso delle delegate e delle lavoratrici ad attuarlo. Non ci sfugge il valore simbolico dello slogan ‘Se le nostre vite non valgono, noi ci fermiamo!‘, come non ci sfugge il valore di una mobilitazione che assume caratteristiche globali. Siamo parte di questo movimento con la nostra elaborazione, le nostre relazioni, la voglia di continuo confronto e allargamento del movimento”.

Scritto da Nicola Salati

Scrivere una passione che poi è diventato un vero e proprio mestiere. Dal 2008 giornalista professionista cerco di raccontare quello che succede nel locale per poi spaziare nel globale, ma sempre considerando i punti fermi che deve avere un abile cronista: mai distaccarsi dalla realtà dei fatti ed essere puntuale e preciso evitando interpretazioni e opinioni.