Sciopero Farmacie Emilia Romagna (26 Gennaio 2017): quali di turno?

farmacia

È stato proclamato per giovedì 26 gennaio 2017 lo sciopero delle farmacie che coinvolgerà l’Emilia Romagna. Ad eccezione di quelle di turno, oltre un migliaio di farmacie situate nel territorio regionale rimarranno chiuse dalle ore 8.30 alle ore 12.00, fascia oraria in cui si svolgerà la protesta.

Le motivazioni che hanno spinto i farmacisti dell‘Emilia Romagna a scioperare sono legate all’aumento della distribuzione diretta di determinati farmaci. Come dichiarato da Domenico Dal Re, presidente di Federfarma, non è stato rispettato l’accordo stipulato tra Federfarma, Regione e Assofarm, risalente al 26 ottobre 2014, secondo il quale “le Asl acquistano il farmaco e le farmacie si occupano della sua distribuzione ai cittadini”.

Il mancato rispetto di tale accordo non permette alle farmacie di fornire ai cittadini il servizio completo. Molti, infatti, sono i territori nei quali i farmaci vengono distribuiti ai cittadini dagli ospedali. Nel dettaglio si tratta di medicine molto costose e utili ai pazienti affetti da disturbi quali Parkinson, diabete, glaucoma, epilessia e/o farmaci utili per terapie successive ad un trapianto.

farmacia-cannabis-terapeutica

La distribuzione diretta dei farmaci in ospedale costringe i cittadini/pazienti a recarsi negli impianti ospedalieri, spesso lontani dal proprio paese di residenza, per ritirare un farmaco che, secondo l’accordo del 26 ottobre 2014, potrebbe essere distribuito anche dalle farmacie private. Attraverso lo sciopero del 26 gennaio 2017 le farmacie dell’Emilia Romagna sperano di ottenere dalla Regione la “riduzione di un terzo dei pazienti presi in carico dalle Asl. Dopo mesi di trattative inutili, – ha voluto specificare il presidente Dal Re – abbiamo deciso di alzare la voce e informare i cittadini”. Allo sciopero che si svolgerà domani dalle ore 8.30 alle ore 12.30 saranno escluse le farmacie di turno.