Scuole Chiuse per Neve (13 Gennaio 2017)

scuola-chiusa-per-neve

Non accenna a diminuire l’emergenza neve e così anche oggi, 13 gennaio 2017, in tutta Italia saranno diverse le scuole che resteranno chiuse.

Naturalmente il quadro che vi proponiamo qui sotto non potrà mai essere esaustivo di tutte le scuole che resteranno chiuso, ma abbiamo cercato di ricomprendervi quelle di cui abbiamo notizia. Poi per eventuali comunicazioni basta scrivere alla nostra redazione (redazione@italiapost@gmail.com) e così andiamo ad integrare il quadro.

Dalle informazioni in nostro possesso come si può vedere l’emergenza neve tocca tutto lo stivale anche se molti Comuni hanno rimesso la chiusura, soprattutto al Sud, proprio perché l’emergenza sembra essere passata. La chiusura della scuola è decisa dal sindaco con ordinanza e viene effettuata per evitare danni all’incolumità di studenti e professori, così come del personale ATA, che sono chiamati a recarsi sul posto di lavoro su strade ghiacciate e quindi difficili da percorrere.

Questo l’elenco completo delle scuole che resteranno chiuse per neve oggi 13 gennaio 2017:

Scuole chiuse 13 gennaio 2017 in Molise: Riccia, Montefalcone nel Sannio, Campodipietra , Frosolone, Castelmauro, Roccavivara, Trivento, Jelsi, San Giuliano del Sannio, Pescolanciano, Cercepiccola, Macchiagodena, Limosano.

Scuole chiuse 13 gennaio in Abruzzo: Chieti, Orsogna, Crecchio, Montazzoli.

Scuole chiuse 13 gennaio in Basilicata: Montescaglioso, San Severino Lucano.

Scuole chiuse il 13 gennaio in Puglia: Cassano delle Murge, Gravina.

scuole-chiuse-a-causa-della-neve

Scuole chiuse in Sicilia il 13 gennaio: Petralia Soprana, Petralia Sottana, Troina. A Messina il sindaco ha predisposto la chiusura per sette giorni delle scuole senza impianto di riscaldamento o con il riscaldamento rotto.

Scuole chiuse 13 gennaio in Calabria: Campana, Cetraro.

Scuole chiuse 13 gennaio in Campania: Sala Consilina, Montesano sulla Marcellana, Sanza, Padula.

Scritto da Nicola Salati

Scrivere una passione che poi è diventato un vero e proprio mestiere. Dal 2008 giornalista professionista cerco di raccontare quello che succede nel locale per poi spaziare nel globale, ma sempre considerando i punti fermi che deve avere un abile cronista: mai distaccarsi dalla realtà dei fatti ed essere puntuale e preciso evitando interpretazioni e opinioni.