C’è la seconda vittima di coronavirus in Italia dopo il caso padovano

Aumenta il numero dei contagiati, al momento, tra Lombardia e e Veneto

coronavirus_italia

Nuovo decesso da coronavirus in Italia. Si tratta di una donna di 75 anni residente  a Casalpusterlengo e morta nella sua abitazione. Era stata ricoverata con la polmonite all’ospedale di Codogno, dove nei giorni scorsi era transitato il 38enne lodigiano chiamato “paziente 1”.

Aumenta il numero dei contagiati. Sono 29 i pazienti risultati positivi ai test del Corovinarus e residenti tra la Lombardia e il Veneto. Ventisette risiedono in Lombardia, mentre due sono i casi accertati in Veneto, ai quali va l’aggiunto l’anziano di Vò Euganeo morto nella serata di ieri.

La prima vittima del virus è Adriano Trevisan, pensionato di Vo’ Euganeo (Padova) morto ieri sera avvenuta ieri sera alle 22 e 45. Il 78enne era ricoverato da 15 giorni nel reparto di malattie infettive, ed era risultato positivo al coronavirus insieme a un altro uomo, 68 anni, che frequenta lo stesso bar del paese. I due erano stati ricoverati in precedenza in ospedale per un’infezione polmonare. In attesa dei riscontri del secondo test che verrà effettuato nelle prossime ore dall’Istituto Spallanzani di Roma, si stanno ricostruendo tutti i loro spostamenti. Da chiarire come i due abbiano contratto il virus.

Il caso Lodigiano

Il caso più grave resta attualmente quello del 38enne di Lodi ricoverato all’ospedale di Codogno. Le sue condizioni risultano al momento stabili ed è stato trasferito all’ospedale di Pavia. Confermata l’intenzione di un trasferimento all’ospedale Sacco di Milano.

Terzo caso di contagio in Veneto

Roberto Speranza, ministro della Salute, ha annunciato che in Veneto saranno adottate misure restrittive come quelle decise per 10 comuni “a rischio” nel Lodigiano. Infatti le scuole sono state chiuse, così come sono state cancellate manifestazioni pubbliche e altri eventi in programma.

Decisione presa dopo il terzo caso di contagio a Dolo, cittadina in provincia di Venezia e a 50 chilometri di distanza da Vo’ Euganeo. Si tratta di un uomo di 67 anni ricoverato in rianimazione a Padova. “Non capiamo ancora come sono avvenuti i contagi”, ha aggiunto il ministro.

 

 

 

 

Palermitana d'origine, amo scrivere di tutto e osservare la realtà a 360 gradi.