Selfie, le Cose Cambiano: il nuovo programma di Simona Ventura

simona-ventura

Ritorna dopo un lungo periodo di stallo Simona Ventura, la regina della televisione anni ’90-’00, con un nuovo format dal titolo “Selfie – Le cose cambiano“. Il programma, in onda da Lunedì 21 Novembre in prima serata su Canale 5, è prodotto dalla “Fascino”, società di proprietà di Maria De Filippi, e rappresenta una specie di remake de “Il brutto anatroccolo”, trasmissione condotta una quindicina di anni fa da Amanda Lear.

In questo caso, i protagonisti non saranno soltanto persone comuni ma anche vip, che si cimenteranno nel ruolo di mental coach. Il ruolo principale del tutor sarà quello di seguire, motivare e consigliare tutti coloro che vorranno migliorare la propria forma fisica o il loro look, cercando di ridare autostima e sicurezza a persone che hanno perso la fiducia in se stessi.

Tra i mentori di questa prima stagione troviamo: il ballerino Stefano De Martino, il modello Mariano Di Vaio, il pallavolista Ivan Zaytsev, la cantante lirica Katia Ricciarelli, la coreografa Alessandra Celentano ed il cuoco Simone Rugiati. I giurati, chiamati a giudicare ogni singolo percorso dei protagonisti, saranno invece: l’opinionista Tina Cipollari, lo schermidore Aldo Montano, la marchesa Daniela Del Secco D’Aragona, lo youtuber Yuri Gordon e la Bonas di “Avanti un altro” Paola Caruso.

programmi-tv

“Non pensavo di vivere emozioni così forti e profonde – racconta la padrona di casa Simona Ventura – questo programma è una sorta di seduta collettiva che sta cambiando ognuno di noi. E’ la prima volta che lavoro con le persone ‘comuni’ ed è una grande soddisfazione: fai del bene a chi lo merita. Dopo trent’anni di carriera non avrei potuto desiderare niente di meglio. Aiutiamo le persone che ci mandano video-selfie denunciando le loro difficoltà, fobie, insicurezze. Dietro chi chiede di rifarsi il seno o di cambiare un difetto fisico, c’è spesso la storia difficile di una persona che non si accetta o non ha le possibilità  economiche per cambiare. Con l’aiuto di psicologi, chirurghi di altissimo livello cerchiamo di trattare anche fobie e patologie psicofisiche. Ma ci saranno anche storie divertenti. Il bello è uscire dallo studio sapendo di aver fatto qualcosa di tangibile per gli altri, specialmente quando, come me, hai avuto tutto dalla vita, in termini di soddisfazioni, lavoro, sentimenti”.

Scritto da Nico Donvito

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica e spettatore interessato di tutto ciò che è intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.