Strage di Piazza Tienanmen: il ricordo con il flash mob di Badiucao

L’artista dissidente cinese Badiucao lancia un flash mob internazionale per ricordare la strage di Piazza Tiananmen. Il 4 Giugno di 29 anni fa.

piazza-tiananmen-ricordo-baudicao

Una delle ferite ancora aperte del XX secolo è senza dubbio la repressione di piazza Tienanmen in Cina del 4 giungno del 1989. Nell’aprile di quello stesso anno sono proprio gli studenti dell’università di Pechino a organizzare quella che sarà nel mese di maggio una delle manifestazioni più clamorose e rumorose della Storia: centomila, tra studenti e lavoratori, iniziano uno sciopero della fame a oltranza.

Purtroppo non è difficile immaginare quali siano stati i motivi che abbiano spinto i più coraggiosi a scendere in piazza: rispetto dei diritti umani nonchè libertà d’espessione erano i motori che animavano la loro perseveranza.

Miigliaia di studenti uccisi in Piazza Tienanmen

Il primo ministro Li Peng non tollerò oltre modo l’atteggiamento dissidente dei centomila e approvò la legge marziale. In poche ore esercito e carri armati formarono uno barriera di obbedienza e terrore fino a quella sparatoria infima tra la notte del 3 e il 4 giugno che spense tra le centinaia e le migliaia di vite.

Benché siano passati 29 anni le ombre che gravano su quello che la Cina definisce essere stato un “incidente” sono pesanti e sanno di falso. Nel 2016 Amnesty International lancia un appello per avviare un’inchiesta indipendente, un appello purtroppo rimasto muto.

#TankMen2018: l’iniziativa di Baudicao

Quest’anno invece l’artista dissidente cinese Badiucao lancia un Flash Mob internazionale #TankMen2018, un invito per non offendere ancora una volta la memoria di Tiananmen. Un flash mob proprio come forma di protesta perché secondo Badiucao proprio «l’arrivismo è la forma d’arte per eccellenza».

Referendum Atac

Referendum ATAC: che cos’è e quando si vota

rosarno82534

Migrante sindacalista ucciso in Calabria: rivolta in tendopoli