Sversamento Petrolio Eni Val d’Agri: arrestato dirigente

Agli arresti domiciliari un dirigente Eni indagato per disastro ambientale in Val d’Agri

eni val d'agri arrestato dirigente

Nell’ambito dell’inchiesta sullo sversamento di petrolio in Val d’Agri, in Basilicata, è stato arrestato un dirigente ENI del centro oli di Viggiano, all’epoca coinvolto nei fatti. Il dirigente è stato sottoposto alla misura cautelare di arresti domiciliari. Insieme a lui sono indagate altre 13 persone per una serie di reati come disastro ambientale, abuso d’ufficio e falso ideologico.

Il caso si riferisce ad uno sversamento di petrolio nel sistema idrico dei comuni della Val d’Agri per via di una – secondo i magistrati – negligenza da parte dell’azienda di idrocarburi. Il petrolio in questione sarebbe uscito dai serbatoi di stoccaggio, raggiungendo la rete fognaria prima e le condutture dell’acquedotto poi. Quell’acqua potabile è destinata all’irrigazione di oltre 35mila ettari di terreno e alla popolazione dei comuni circostanti.

Eni, nella sua risposta ufficiale, “ritiene di essere intervenuta tempestivamente e di aver posto in essere tutti i migliori interventi di Messa in Sicurezza di Emergenza (Mise) con l’obiettivo di contenere, perimetrare e rimuovere la contaminazione“, quindi rinnegando l’accusa di inerzia mossa dalla magistratura.

Napoletano di nascita, attualmente vivo a Roma. Giornalista pubblicista, mi definisco idealista e sognatore studente di Storia presso l'Università di Roma Tor Vergata. Osservatore silenzioso e spesso pedante della società attuale. Scrivo di ciò che mi interessa: principalmente politica, cinema e temi sociali.