Tenerife, Arrestato un latitante romano deve scontare 18 anni di Carcere

guardia-civil-carabinieri

E’ stato fermato ed arrestato a Tenerife in Spagna dalla Guardia Civil. Si tratta di un latitante romano che deve scontare 18 anni di reclusione per traffico di stupefacenti. Un’operazione che è stata messa a segno insieme ai Carabinieri del Comando Provinciale della Capitale.

ARRESTATO LATITANTE ROMANO: I FATTI

L’uomo era ricercato ed è stato bloccato dalla Guardia Civil spagnola tra l’altro senza neanche opporre resistenza. Proprio lui che già nel 2007 era stato arrestato perché capo di un’organizzazione criminale dedita all’importazione della cocaina dall’Est Europa per poi farla rivendere nella Capitale. Era ricercato dal 2015 quando finita la custodia cautelare e in attesa di sentenza fece perdere le sue tracce prima di essere poi ritrovato a Tenerife in Spagna oggi.

arresto-carabinieri

ARRESTATO LATITANTE ROMANO: SINERGIA TRA FORZE EUROPEE

Un’operazione importante quella messa a segno perché assicura alla giustizia un pericoloso latitante operativo nel mondo del traffico internazionale di droga e allo stesso un’operazione che dimostra che la collaborazione tra le varie forze dell’ordine europee può produrre solo ottimi risultati nella cattura di pericolosi malviventi che mettono a repentaglio la sicurezza delle comunità dove si trovano. Nei prossimi giorni il pericoloso latitante romano sarà estradato in Italia dove lo troverà ad attendere una cella di un carcere per i prossimi 18 anni.

Scritto da Nicola Salati

Scrivere una passione che poi è diventato un vero e proprio mestiere. Dal 2008 giornalista professionista cerco di raccontare quello che succede nel locale per poi spaziare nel globale, ma sempre considerando i punti fermi che deve avere un abile cronista: mai distaccarsi dalla realtà dei fatti ed essere puntuale e preciso evitando interpretazioni e opinioni.

paraguay-assalto-parlamento

Paraguay, Manifestanti assaltano il Parlamento: Scontri (Video)

pensioni-vecchiaia

Pensioni, Ultime Notizie Oggi (1 Aprile 2017): Riforma e assegni minimi