Toby Smith è Morto, è una Bufala la Morte del fondatore dei Jamiroquai?

toby-smith-jamiroquai-morto

E’ morto veramente il fondatore dei Jamiroquai? La notizia della presunta morte di Toby Smith sta facendo il giro del web ma da quando è dato sapere potrebbe essere anche una bufala in quanto non ci sono conferme ufficiali sulla dipartita prematura di uno dei più autorevoli esponenti della musica mondiale.

Secondo le notizie che girano in rete, come detto da confermare, Toby Smith sarebbe morto ieri. Proprio Smith che era stato tra i fondatori dei Jamiroquai ma che alla fine era andato via in maniera non burrascosa così come il suo omologo Zender ma di certo un addio che ha fatto dispiacere i fan del gruppo musicale. Smith che salutò la band nel bel mezzo del tour mondiale per presentare l’album “A Funk Odyssey” senza alcun preavviso.

Smith che lasciando la band ha rimasto un vuoto aperto nel cuore dei fan perché in molti rivedevano in lui la favola dei Jamiroquai. La sua morte come detto non è stata confermata anche se qualcuno su Wikipedia ha aggiornato con la data del 12 aprile la sua dipartita che comunque non è supportata neanche da una vera propria motivazione visto che le cause del decesso prematuro sarebbero per il momento sconosciute. Speriamo comunque che sia una bufala.

AGGIORNAMENTO

Dopo accurate ricerche è finalmente stata appurata la verità Il fondatore dei Jamiroquai è vivo. Siamo tutti contenti di questa notizia e ribadiamo che la bufala non è stata inventata da noi, ma circolava in rete da almeno due giorni.

Scritto da Nicola Salati

Scrivere una passione che poi è diventato un vero e proprio mestiere. Dal 2008 giornalista professionista cerco di raccontare quello che succede nel locale per poi spaziare nel globale, ma sempre considerando i punti fermi che deve avere un abile cronista: mai distaccarsi dalla realtà dei fatti ed essere puntuale e preciso evitando interpretazioni e opinioni.

quasi-amici-film

Quasi Amici stasera su Canale 5: Trama e Curiosità

Ultima Cena

Venerdì Santo, a Lapio le tavolate de “I Misteri”