Una serie di arresti si stanno eseguendo nelle provincia di Bari, Catania e Salerno a danno di cittadini somali che sono accusati di traffico di migranti. L’operazione è compiuta dalla Polizia di Bari coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia. Infatti dalle indagini si è scoperto che esistono canali money transfer illegali che vengono usati dai trafficanti per prendere soldi dalle famiglie dei migranti somali.

LE ACCUSE A CARICO DEI TRAFFICANTI DI MIGRANTI

E così le misure cautelari che si stanno eseguendo a carico dei responsabili sono di associazione per delinquere finalizzata alla permanenza illegale di clandestini in Italia e al successivo ingresso in paesi esteri, favoreggiamento di immigrazione clandestina a scopo di lucro, uso di documentazione falsa, corruzione di incaricato di pubblico servizio e falso ideologico in atto pubblico. L’indagine è nata da un contatto telefonico avviato da un cittadino somalo con uno dei trafficanti che era stato già fermato in Italia nel luglio del 2016 per aver favorito l’ingresso nel nostro paese di due militanti dell’Isis. Tra gli indagati anche un funzionario del Comune di Bari che avrebbe falsamente redatto inesistenti residenze di cittadini somali nel capoluogo pugliese.

CHI HA PARTECIPATO ALL’OPERAZIONE?

All’operazione che è ancora in corso hanno preso parte oltre che gli agenti della Polizia di bari anche i colleghi della Polizia di Malta con la collaborazione di personale Interpool e della Questura del capoluogo pugliese che ha dato esecuzione a un mandato di cattura europeo contro il principale trafficante di migranti somali di cui questa associazione si sarebbe servita per i propri scopi illeciti.

CONDIVIDI
Scrivere una passione che poi è diventato un vero e proprio mestiere. Dal 2008 giornalista professionista cerco di raccontare quello che succede nel locale per poi spaziare nel globale, ma sempre considerando i punti fermi che deve avere un abile cronista: mai distaccarsi dalla realtà dei fatti ed essere puntuale e preciso evitando interpretazioni e opinioni.