Turista francese morto in Cilento: Procura apre indagine

Il giovane escursionista francese scomparso l’8 agosto e ritrovato deceduto domenica 18 agosto sera in Cilento.

turista_francese_morto_in_cilento

Svolta nella morte di Simon Gautier, il giovane escursionista francese scomparso l’8 agosto e ritrovato deceduto domenica 18 agosto sera in Cilento. La Procura di Vallo della Lucania ha infatti aperto un’inchiesta per chiarire se ci siano stati ritardi nei soccorsi per il ritrovamento del giovane, come ha ammesso lo stesso procuratore Antonio Ricci: “È bene fare chiarezza e approfondire alcuni aspetti che riguardano le operazioni di soccorso”. Frattanto la salma di Simon Gautier è stata portata al porto di Policastro.

Il 27enne studente francese è stato individuato dai soccorritori in fondo a un burrone, sotto un sentiero poco visibile da cui sarebbe precipitato in una zona di Belvedere di Ciolandrea, nel comune di San Giovanni a Piro. A lanciare l’allarme era stato proprio Simon che aveva chiamato il 118 senza riuscire a comunicare la sua posizione.

Nella telefonata ai soccorritori avvenuta venerdì 9 agosto il giovane aveva detto: “Mi potete aiutare. Sono caduto, ho due gambe rotte”, aggiungendo di non sapere dove si trovava e chiedeva di essere localizzato. “Non vi possiamo localizzare, siete in casa, per strada, da solo?”, gli domanda l’operatore del 118. “In realtà sono in campeggio, o meglio sto camminando da solo”.

Simon sarebbe subito dopo aver chiamato i soccorsi. Il giovane era riuscito a dare l’allarme con una telefonata al 118 in cui aveva detto di essere caduto in un crepaccio e di essersi rotto le gambe. Secondo una prima ricostruzione, il decesso sarebbe avvenuto in poco tempo, circa 40/45 minuti. A causare la morte sarebbe stata la frattura della gamba che avrebbe rescisso l’arteria.

.

.

 

 

Palermitana d'origine, amo scrivere di tutto e osservare la realtà a 360 gradi.

chi_è_fabio_camilli

Chi è Fabio Camilli, figlio legittimo di Domenico Modugno

trovata_bottiglia_con_lettera_in_alaska

Trovata bottiglia con messaggio in Alaska: ecco cosa è successo