Amnistia e Indulto 2017, Cagliari: Bimba malata in carcere con la mamma

carcere-donne-bambini

Ultime notizie dalle carceri italiane, sui temi di amnistia e indulto, arrivano da Cagliari, dove, a soli 14 mesi, una bambina vive in cella con sua madre. La donna, una rom condannata per piccoli reati, deve scontare un totale di 8 anni di reclusione nella Casa Circondariale di Cagliari.

Come riportato da “Il Dubbio”, in cella assieme a sua madre condannata a 8 anni di reclusione, una bambina di soli 14 mesi ha bisogno di cure. La piccola infatti ha da poco subito un intervento molto delicato alla bocca e al palato ed avrebbe bisogno di cure specifiche. Nonostante le mille attenzioni date alla bambina nel carcere di Cagliari, questa avrebbe bisogno di stare in una struttura adeguata.

Il caso è stato denunciato da Maria Grazia Caligaris, presidente dell’Associazione “Socialismo Diritti Riforme” che si occupa dei diritti dei detenuti nelle carceri sarde. “Da una settimana, la bambina è rinchiusa con la giovane madre nella sezione femminile della Casa Circondariale di Cagliari Uta– racconta la Caligaris -la piccola, che ha subito di recente un intervento chirurgico di labiopalatoschisi, necessita di particolari condizioni igienico- sanitarie e nutrizionali. La sua permanenza in carcere, nonostante l’impegno delle agenti, dei medici e degli infermieri, risulta inaccettabile. Le Istituzioni devono farsi carico di trovare una sistemazione alternativa alla donna e alla bambina”.

carcere

La possibilità di portare i figli in carcere, è prevista dalla legge 354 del 1975, per le madri di bambini da 0 a tre anni. Questo era stato pensato per non far vivere drammaticamente, o comqune rallentare il distacco, ma le conseguenze del passare i primi anni della propria vita in un carcere, sono molto importanti e permanenti.

Nonostante gli sforzi del Ministero della Giustizia per arginare il problema dei bambini dietro le sbarre, i numeri sono ancora abbastanza alti. Dagli ultimi dati raccolti pare che al 31 dicembre del 2016 all’interno delle carceri italiani sono detenuti 37 bambini. Una delle soluzioni adottate, in casi come questo, è la detenzione presso un Istituto a custodia attenuata per detenute madri (Icam). Nel caso di Cagliari, l’unico Icam disponibile è in una zona periferica e difficile da raggiungere.