Bassolino ci riprova: candidato a Napoli con Liberi e Uguali?

Bassolino candidato Napoli collegio

Che Antonio Bassolino, afragolese, ex presidente della Regione Campania ed ex Sindaco di Napoli, si fosse allontanato dal PD è una certezza. Dopo i rumors di avvicinamento alla neoformazione Liberi e Uguali di Pietro Grasso (piena, tra l’altro, di tanti ex PD) si prospetta anche la sua candidatura nel collegio elettorale di Napoli.

L’ipotesi portata dal Corriere della Sera potrebbe risultare verosimile solo nel caso Maria Elena Boschi possa candidarsi nel collegio di Ercolano dato che in Toscana è annunciata dura battaglia. Il PD, quindi, potrebbe non competere a Napoli e lasciare il campo al Movimento 5 Stelle, al centro-destra e a Liberi e Uguali.

Bassolino elezioni politiche

Non a caso un altro papabile vincitore nella città partenopea potrebbe essere Roberto Fico, leader polemico del Movimento. Bassolino, dal canto suo, ritorna nel suo seggio “natale”, dopo essere stato eletto a Catanzaro nel 1987 e a Napoli nel 1992, per poi iniziare la sua carriera nelle amministrazioni locali.

Dopo essere stato sfiduciato dal PD per le elezioni comunali napoletane del 2016 (il partito gli preferì la Valente), l’ex gloria della politica potrebbe tornare agli onori di cronaca, ma l’annuncio potrebbe non arrivare fino a febbraio. La campagna elettorale sarà dura e nessuno sembra intenzionato a scoprire le proprie carte prima del tempo.

Scritto da Matteo Squillante

Napoletano di nascita, attualmente vivo a Roma. Idealista e sognatore studente di Lettere presso l’Università di Roma Tor Vergata. Osservatore silenzioso e spesso pedante della società attuale. Scrivo di ciò che mi interessa, principalmente politica e temi sociali.
Twitter: @MattSquillante

Cosa ne pensi?

0 punti
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Capodanno Roma Eventi

Capodanno a Roma Eventi: concerto al Circo Massimo

carabinieri-andrea-la-rosa-calciatore

Torino: sei anni a Mido, il marocchino accusato di terrosimo