Blocco Auto Milano (11 dicembre 2016), veicoli che non possono circolare

milano-blocco-auto

Si terrà oggi, 11 dicembre 2016, la prima giornata di blocco auto a Milano: l’elenco dei veicoli che non potranno circolare è lungo e lo ha scritto nero su bianco il Comune sul provvedimento di stop alla circolazione.

Tutto è dovuto al superamento del limite di legge stabilito per la presenza di polvere sottili nell’aria. Il capoluogo lombardo lo ha ampiamente superato e così è scattato il blocco. Infatti i dati registrati dall’Arpa negli ultimi 7 giorni non hanno lasciato assolutamente scampo a Milano dove nell’aria è stato analizzato il superamento del limite giornaliero di PM10 di 50 microgrammi per metro cubo.

Il Comune ha così attivato il Protocollo  di collaborazione per l’attuazione di misure temporanee per il miglioramento della qualità dell’aria e il contrasto all’inquinamento. “Partiranno da oggi – ha fatto sapere l’assessore alla Mobilità e all’Ambiente Marco Granelli – tutte le misure previste per ridurre i livelli di particelle inquinanti dell’aria. Auspico che queste giornate siano accompagnate da un incremento dell’utilizzo del trasporto pubblico da parte dei cittadini”.

blocco-auto-milano

Questo l’elenco dei veicoli che saranno costretti a fermarsi: Euro 0 benzina e Euro 0, 1 e 2 diesel anche nelle giornate di sabato, domenica e festivi dalle ore 7:30 alle ore 19:30; le autovetture private Euro 3 diesel senza filtro antiparticolato non potranno circolare in ambito urbano dalle ore 9:00 alle ore 17:00; i veicoli commerciali Euro 3 diesel senza filtro antiparticolato saranno bloccati dalle 7:30 alle 9:30. Il blocco verrà sospeso non appena ci saranno 2 giorni consecutivi di abbassamento dei valori di inquinamento registrati.

Blocco Traffico Roma (11 dicembre 2016): Orari Domenica Ecologica

Scritto da Nicola Salati

Scrivere una passione che poi è diventato un vero e proprio mestiere. Dal 2008 giornalista professionista cerco di raccontare quello che succede nel locale per poi spaziare nel globale, ma sempre considerando i punti fermi che deve avere un abile cronista: mai distaccarsi dalla realtà dei fatti ed essere puntuale e preciso evitando interpretazioni e opinioni.